Apple si espande con due nuovi centri di ricerca in Cina.Il colosso di Cupertino investe per ottenere il sostegno di Pechino

By | 19/03/2017
(Visite Totali 8 ---- Visite Oggi 1 )

La Cina è sempre in continua espansione nel settore tecnologico. Mercato cinese, è una realtà per noi ancora sconosciuta mentre, per i cinesi, i mercati europei sono in piena espansione. Apple realizzerà in Cina altri due centri di ricerca e sviluppo, a Shanghai e a Suzhou, dopo quelli di Pechino e Shenzhen: tutti saranno operativi entro fine anno. “I talenti sono i più grandi tesori della Cina. I lavoratori nel settore della produzione, gli sviluppatori di applicazioni e i designer possono aiutare la crescita di Apple in Cina”, ha detto il numero uno Tim Cook, partecipando al 18/mo China Develop Forum a Pechino, nel resoconto dell’agenzia Nuova Cina.

Apple si è impegnata a investire 3,5 miliardi di yuan (circa 500 milioni di dollari) nei centri, in base a quanto annunciato sul sito web cinese, oltre che a utilizzare i suoi team locali in una collaborazione crescente con i partner locali.

I centri R&D, inoltre, cercheranno laureati provenienti dalle università più importanti della Cina, tra cui Peking University, Tsinghua University e Jiao Tong University.

Quando Donald Trump, nel corso di una telefonata a Tim Cook poco dopo l’elezione alla Casa Bianca, disse che tra i suoi obiettivi c’era quello di vedere Apple aprire stabilimenti negli Stati Uniti anziché rivolgersi a Paesi come Cina e Vietnam, l’amministratore delegato di Cupertino si limitò a prendere atto delle preoccupazioni del presidente in tema di occupazione americana. Tutto qui. Eppure sembrava che quelle parole fossero preludio di una lenta ma progressiva convergenza tra i due nonostante la scarsa empatia esistente tra la Silicon Valley e l’ex Tycoon. Il successivo annuncio da parte di Foxconn, colosso taiwanese produttore di parti per conto della stessa Apple, di investire 7 miliardi di dollari negli Stati Uniti per creare decine di migliaia di posti di lavoro, aveva fatto pensare a una nuova fase post-delocalizzazione anche per Apple. Poi la doccia fredda con l’annuncio da parte di Apple dell’apertura di altri due centri di ricerca e sviluppo in Cina, a Shanghai e a Suzhou, dopo quelli di Pechino e Shenzhen: tutti saranno operativi entro fine anno.

Oggi Apple è il quarto produttore di smartphone del dragone dopo Oppo, Huawei e Vivo, e ha bisogno di recuperare quota così come il suo giro d’affari con una contrazione del 12% su base annua. E la risposta è l’aumento degli investimenti sul posto per ottenere l’imprescindibile sostegno del governo di Pechino e promuovere risorse locali. Una strategia che certo non sarà accettata di buon grado da parte di Trump e che per di più che arriva nel giorno in cui il segretario di Stato americano Rex Tillerson ha incontrato a Pechino il collega Wang Yi spiegando che i «nostri due Paesi dovrebbero avere una positiva relazione commerciale che sia giusta e che paghi dividendi ad entrambe le parti». Dividendi che non sono quelli che produrrà Apple, secondo Trump che di questo e di altro parlerà nel bilaterale del 6 aprile proprio col collega cinese Xi Jinping.