Tromba d’aria nella provincia di Cuneo, 130 sciatori soccorsi su una seggiovia: ingenti danni anche a Boves e Prato Nevoso

By | 07/03/2017
(Visite Totali 46 ---- Visite Oggi 1 )

Le previsioni lo avevano anticipato ed il maltempo sembra essere arrivato soprattutto in Piemonte. Nella giornata di ieri, sembra che la provincia di Cuneo sembra essere stata flagellata da una bufera di vento, che in alcune zone si è trasformata in tromba d’aria, provocando danni non indifferenti. Il Soccorso Alpino nel pomeriggio di ieri è dovuto intervenire per soccorrere gli sciatori su una seggiovia scarrucolata dalle forti raffiche di vento. Il maltempo e nello specifico la perturbazione che nel pomeriggio si è abbattuta in Piemonte ha colpito la vasta aerea della provincia cuneese, soprattutto a Boves, Peveragno, Chiusa Pesio e nelle valli monregalesi. Tante le strade chiuse al traffico a causa di alberi sradicati e tetti scoperchiati ed ingenti disagi a Cuneo ed in molti centri limitrofi.Come abbiamo anticipato, purtroppo l’impianto coinvolto dalla tromba d’aria è quello di Prato Nevoso ad Aetesina, il quale è stato ampiamente danneggiato dal vento e la fune è fuoruscita dalla sua sede; intervenuto il Soccorso Alpino piemontese per tentare di riportare a terra un centinaio di sciatori rimasti bloccati su una seggiovia; le operazioni di soccorso sono durate due ore e mezza e l’allarme è scattato intorno alle ore 15.

I soccorsi hanno usato un sistema di fumi per tirare giù gli sciatori, visto che nemmeno l’elicottero, visto le condizioni meteo, ha potuto alzarsi in volo. Chiusi gli impianti di risalita a Limone Piemonte, Prato Nevoso e Artesina dove sono state messe a disposizione navette per riportare gli sciatori a valle. I soccorsi agli sciatori di Prato e Artesina hanno scatenato la protesta del sindaco di Roccaforte che ha detto: “Hanno organizzato i soccorsi dando precedenza agli sciatori di Prato e Artesina. Quelli in arrivo da Rastello saranno invece portati via per ultimi. Come sempre”.

Diverse le squadre di vigili del fuoco impegnati in interventi in città e ne paesi vicini;

secondo quanto riferito dalla Protezione civile, sembra che al Pronto Soccorso di Cuneo è stata ricoverata una ragazza che sarebbe stata colpita alla testa da una tegola, e nonostante le sue condizioni di salute siano piuttosto serie, non sembra essere in pericolo di vita. La tromba d’aria ha danneggiato gravemente anche gran parte della copertura del Teatro Toselli.

Ecco i danni registrati: a Cuneo segnalati danni alla copertura del Teatro Toselli, come già anticipato ed è crollato un balcone del Palazzo della Provincia; a Boves, in Frazione Rivoira, è crollato un porticato; a Peveragno scoperchiato il campanile della Chiesa di San Giovanni e slla strada tra Beinette e Peveragno si è scoperchiato un locale; a Santa Croce di Cervasca un albero è caduto su di una casa; a Black-out elettrico a Borgo San Dalmazzo. Caduto un albero in Via Vecchia di Cuneo a Borgo San Dalmazzo; nella strada provinciale tra Chiusa di Pesio e Beinette è stata bloccata dalla caduta di un pino; a Vallera, frazione di Caraglio, permane la situazione di black-out.