La dieta sirt regola i processi fisiologici del dimagrimento, ecco i cibi Sirt

By | 22/05/2017
(Visite Totali 36 ---- Visite Oggi 1 )

La dieta sirt, ideata dagli specialisti Aidan Loggins e Glen Matten che si basa sull’utilizzo delle sirtuine, da cui questo regime alimentare prende il nome. Le sirtuine sono proteine implicate nella regolazione dei processi fisiologici del dimagrimento, che agiscono sul meccanismo che il corpo mette in atto ogni volta che ingeriamo dolci o elementi raffinati.

 La dieta seguita da Pippa Middleton prevede 20 alimenti ricchi sirtuine e tra questi anche il cioccolato fondente e  il vino rosso che spesso vengono al contrario banditi dalle diete. I primi tre giorni di dieta prevedono solo mille calorie e ci si deve nutrire soltanto di succhi a base vegetale e di un pasto prestabilito dal nutrizionista. Passati i tre giorni, le calorie aumentano a 1.500 fino alla fine della settimana.

La seconda fase della dieta è di mantenimento e dura due settimane. La dieta può essere ripetuta, oppure si può continuare con il mantenimento. Gli esperti però sono divisi, non per tutti questo regime alimentare è adeguato.

 I cibi Sirt. Nel corso degli ultimi anni sono diventate molto popolari le diete basate sul digiuno. In effetti, gli studi mostrano che digiunando – cioe` con una moderata restrizione calorica quotidiana o praticando un digiuno intermittente piu` radicale, ma meno frequente – vi potete aspettare di perdere circa sei chili in sei mesi e ridurre in modo sostanziale il rischio di contrarre certe malattie. Quando digiuniamo, la riduzione di riserve di energia attiva il cosiddetto “gene magro “, che provoca diversi cambiamenti positivi. L’accumulo di grasso si interrompe e il corpo blocca i normali processi di crescita ed entra in modalità “sopravvivenza”. I grassi sono bruciati piu` velocemente e si attivano i geni che riparano e ringiovaniscono le cellule. Di conseguenza, dimagriamo e aumentiamo la nostra resistenza alle malattie. Tutto questo, però, ha un prezzo. Una minore assunzione di energia comporta fame, irritabilità, spossatezza e perdita di massa muscolare. E il problema e` proprio questo con le diete basate sul digiuno: quando sono seguite correttamente funzionano, ma ci fanno stare cosı` male che non riusciamo a rispettarle.

La domanda, allora, è la seguente: come è possibile ottenere gli stessi risultati senza doversi imporre quel calo drastico di calorie e senza, quindi, subirne le conseguenze negative? A questo punto non ci resta che presentarvi i cibi Sirt, un gruppo di alimenti appena scoperti. I cibi Sirt sono particolarmente ricchi di sostanze nutritive speciali, in grado di attivare gli stessi geni della magrezza sollecitati dal digiuno. Questi geni sono le sirtuine. Divennero famose grazie a un importante studio condotto nel 2003, nel corso del quale gli scienziati analizzarono una particolare sostanza, il resveratrolo, presente nella buccia dell’uva nera, nel vino rosso e nel lievito, che produrrebbe gli stessi effetti della restrizione calorica senza bisogno di diminuire l’assunzione energetica.

In seguito i ricercatori scoprirono che altre sostanze presenti nel vino rosso avevano un effetto simile, il che spiegherebbe i benefici del consumo di questa bevanda e il motivo per cui chi la consuma ingrassa meno. Questo naturalmente stimolò la ricerca di altri cibi contenenti un’alta concentrazione di tali nutrienti, capaci di produrre un effetto tanto benefico nel corpo, e poco per volta gli studi ne scoprirono diversi. Se alcuni sono quasi sconosciuti, come il levistico, un’erba ormai ben poco usata in cucina, la grande maggioranza e` rappresentata da cibi ben noti e molto usati, come olio extra vergine di oliva, cipolle rosse, prezzemolo, peperoncino, cavolo riccio, fragole, capperi, tofu, cacao, te` verde e perfino caffe`.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *