Alcuni farmaci per tosse e raffreddore ritirati dall’Aifa: ecco quali

By | 14/06/2017
(Visite Totali 30 ---- Visite Oggi 1 )

L’Aifa, ovvero l’Agenzia italiana del Farmaco ha disposto il ritiro dal mercato di alcuni farmaci utilizzati per contrastare mal di gola, tosse, febbre e dolori diffusi. Insomma si tratta di farmaci molto utilizzati soprattutto per la cura delle sindromi influenzali. Nello specifico si tratta di effervescenti di Acetilsalicilico Vitamina C. Tale farmaco è prodotto dalla ditta Angelini Spa. Questi sono i lotti interessati:
Le confezioni di farmaci ritirati sono quelle da venti compresse da 400 mg + 240 mg di ACIDO ACETILSALICILICO E VITAMINA C ANGENERICO *20CPR
EFF – AIC 034586026 della ditta Angelini Spa
LOTTO n. 150372 e scadenza 2/2018
LOTTO n. 161043 e scadenza 4/2019.

Dalle analisi del prodotto gli esperti dell’Aifa hanno espresso un parere negativo. Nel caso li aveste già acquistati potete riportarli in farmacia per ottenerne la sostituzione. Ad essere ritirati dal’Aifa risulta anche il  medicinale Mucosolvan Pastiglie Gommose, prodotto da Boehringer Ingelheim It. Spa. Nello specifico il ritiro riguarda le confezioni di MUCOSOLVAN*20PASTL 15MG – AIC 024428195 lotti nn.: 2014036 scad. 30/6/2017; 2014037 scad. 30/6/2017; 2015018 scad. 30/9/2018; 2015033 scad. 22/12/2018 e 2016013 scad. 20/4/2019. Questo medicinale viene utilizzato per ripristinare la normalità della secrezione nelle affezioni broncopolmonari acute e croniche. Il ritiro stando a quanto pubblicato da Giovanni D’Agata, presidente dello Sportello dei Diritti, “si è reso necessario a seguito della segnalazione concernente un risultato fuori specifica del titolo del principio attivo del suddetto medicinale”. L’acido acetilsalicilico appartiene alla categoria dei farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). Presenta spiccate proprietà analgesiche. Possiede anche un effetto antipiretico.

Recenti ricerche hanno dimostrato che se viene somministrata a piccole dosi dopo un attacco cardiaco, diminuisce il rischio di un secondo infarto o della necrosi del tessuto cardiaco. In questo senso viene utiizzata anche per prevenire gli attacchi al cuore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *