Streaming Gratis Juventus – Cagliari Live Tv Rojadirecta

By | 19/08/2017
(Visite Totali 286 ---- Visite Oggi 1 )

Sarebbe bello poter misurare la “febbre” al campionato che sta per cominciare. Al momento ne siamo però impediti, almeno parzialmente, dal calciomercato tuttora in atto e, siccome chiuderà i battenti a fine mese, solo allora potremo conoscere la reale composizione delle squadre e capire se sono state tutte verità le notizie che i mezzi di informazione hanno giornalmente propinato alla fantasia dei tifosi.

Volendo essere pignoli si potrebbe magari obiettare sulla tempistica tra inizio campionato e chiusura delle contrattazioni per evitare di vedere un giocatore con ima casacca alla prima giornata e alla seconda con altra. Per esprimere giudizi potremmo basarci sulle amichevoli sin qui disputate ben sapendo però che sono parte importante della preparazione ma scarse di indicazioni: servono solo per la ricerca della migliore condizione. Meglio allora tenere presente quanto fatto al momento sul mercato in attesa del dato definitivo. Anche se a permetterci di dare un giudizio pressoché definitivo su Lazio e Juve è intervenuta la Supercoppa, vinta dai romani del presidente Lotito che nell’occasione sale sulla pedana dei premiati, al seguito della squadra, per farsi mettere al collo la medaglia (fatto mai verificatosi per altri presidenti): considerarlo un atto di invadenza ci sembra troppo, magari prua civetteria di chi cura se stesso come personaggio.

CORSA A TAPPE
Partiamo dai campioni d’Italia.Continua la tradizione negativa della Juve in questo genere di gare, l’anno scorso sconfitta dai milanisti, quest’anno dai laziali. Parafrasando il linguaggio del ciclista, potremmo definirla più adatta ad una corsa a tappe che ad un singolo evento, visto che poi vince i campionati in maniera incontrastata. La squadra di Allegri abbonda di giocatori di talento, complessivamente è ancora la migliore. La gara contro la Lazio ha fatto però intravedere mancanza di collegamenti tra i reparti, soprattutto tra difesa e centrocampo, troppo distanti tra loro: tanti i trequartisti, non un uomo di peso che sapesse recuperare i palloni. Diceva il grande Helenio Herrera: «H balon prima di saperlo giocare occorre saperlo conquistare». E i dirigenti juventini, capita la lezione, sono subito intervenuti
ed è arrivato Matuidi dal Psg che dovrebbe fere al caso nel molo di mediano. Eppure, i tifosi si interrogano intanto su che fine abbia fatto Marchisio, certamente non inferiore
all’ex parigino… men- trecontro la Lazio si è vista una difesa debole, fatta eccezione per Gigi Buffon. È stato il reparto migliore d’Italia nel campionato appena trascorso
ma sembra aver perso questi connotati con la partenza di Bonucci. Parrebbe strano connotare l’improvvisa permeabilità della difesa con la partenza di un giocatore pur bravo come Leonardo, l’esperienza però è quello che ci suggerisce, perché l’uomo guida del reparto arretrato è il primo difensore della squadra e anche il primo centrcampista: è posizionato davanti alla difesa per impedire all’avversario di entrare nella propria area ma, oltre a difendere, deve saper far ripartire l’azione. In pochi sanno interpretare questo molo che richiede intelligenza tattica, posizione e piedi buoni, Bonucci c’è riuscito da gran campione.È sicuramente il giocatore più difficile da sostituire, per molo e qualità, né Pjanic né Khedira possono prenderne il posto, non avendo forza fisica necessaria e passo per stazionare davanti alla difesa: meglio sicuramente Matuidi ma non al punto di non far rimpiangere Leo.
In campo abbiamo visto anche i nuovi acquisti Douglas Costa e Bemardeschi che, pur bravi, per le loro caratteristiche, potrebbero avere difficoltà di inserimento nella Juve attuale che deve cercare aiuto da Mandzukic e Cuadrado per sorreggere l’impalcatura della squadra già troppo protesa in avanti. Certamente Allegri non potrà lamentarsi di quello che sta facendo la società, a lui adesso il compito di trovare il giusto mix tra tanti campioni.
CURIOSITÀ
Per noi la Juve è ancora la squadra più forte d’Italia ed è la naturale favorita del campionato. La Lazio ha conquistato con merito la Supercoppa mettendo in campo il piglio di chi non si da mai per vinto. Diversamente dalla Juve è però ima squadra che non potrà migliorare granché, la sua collocazione naturale può essere anche quest’anno tra il quinto e sesto posto della classifica.
Del Napoli di Sarri ben poco da dire, si presenterà nella stessa veste del passato campionato: se saprà confermarsi, se Mertens saprà ripetersi nella veste di goleador, sarà un avversario di tutto rispetto per la Juve. In calo le quotazioni della Roma dopo le cessioni di Rudiger e Salali e il ritiro di Totd, restano da vedere il Milan del dopo rivoluzione e con l’arrivo di Kalinic e l’Inter di Spalletti. Ne sapremo qualcosa in più dopo la prima giornata.

La Serie A sta per tornare. Con una sfida subito fondamentale per la Juve, che dopo la grande delusione della Supercoppa Italiana persa contro la Lazio volta definitivamente pagina. A Torino c’è Juventus-Cagliari, prima gara della massima serie della stagione 2017-2018. La squadra di Allegri affronterà oggi, 19 agosto 2017 alle ore 18 a Torino, il Cagliari di Massimo Rastelli.

Qui di seguito tutte le informazioni necessarie per vedere la partita in streaming gratis ed in diretta tv. Per la Juve quella contro i sardi è una sfida importantissima soprattutto dal punto di vista psicologico: la batosta contro la Lazio ha lasciato delle notevoli ferite in casa bianconera, lenite solamente dal mercato, con Allegri che ha accolto il nuovo arrivato Blaise Matuidi, preso dal Psg per 20 milioni di euro più bonus. Le critiche sono piovute su una Juve che vuole tornare a mostrare gli artigli, prendendosi subito la scena al cospetto del Cagliari, squadra temibile ma che sarà orfana di Marco Borriello, messo a sorpresa sul mercato alla vigilia del delicatissimo esordio in campionato.

Juventus-Cagliari, streaming gratis e diretta tv: come vedere la partita su Sky e Mediaset Premium

Queste le info per vedere Juventus-Cagliari in streaming gratis ed in diretta tv. La partita, in programma a partire dalle ore 18, sarà trasmessa sulle frequenze di Sky Sport e Mediaset Premium. Per gli abbonati, inoltre, la partita sarà visibile anche in streaming ovviamente tramite l’app disponibile per sistemi operativi iOSAndroid e Windows Mobile su smartphone, tablet e pc. La partita sarà visibile anche attraverso l’app Serie A Tim e sui decoder Tim Vision. Ecco inoltre la lista dei siti aggiornati su cui è possibile vedere il calcio streaming: Diretta Streaming Calcio. Qui potete trovare tutte le informazioni sul sito di streaming calcio RojadirectaRojadirecta.

Juventus-Cagliari, streaming gratis e diretta tv: le probabili formazioni

Dopo aver visto le info streaming e diretta tv di Juventus-Cagliari, concentriamoci ora sulle probabili formazioni della partita dell’Allianz Stadium. Per quanto riguarda i padroni di casa, Douglas Costa è pronto a disputare la prima gara da titolare con la maglia della Juve. Contro il Cagliari spazio al brasiliano, con Cuadrado che partirà dalla panchina. Bernardeschi fuori, così come Matuidi. Allegri ha due dubbi: in difesa ballottaggio De Sciglio-Lichtsteiner, mentre a centrocampo si giocano una maglia Khedira e Marchisio, uno dei più brillanti nelle amichevoli pre-campionato.

Sul fronte Cagliari c’è la grana Borriello, escluso dai convocati per la trasferta di Torino: in attacco gioca Farias al fianco di Sau, con Joao Pedro dietro le punte. In difesa probabile inserimento di Padoin sulla destra, preferito a Faragò, non convincente in Coppa Italia nella gara disputata proprio nell’insolita cornice di Torino contro il Palermo.

JUVENTUS (4-2-3-1): Buffon; De Sciglio, Benatia, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic; Douglas Costa, Dybala, Mandzukic; Higuain. A disposizione: Szczesny, Pinsoglio, Rugani, Lichtsteiner, Barzagli, Asamoah, Bentancur, Sturaro, Marchisio, Bernardeschi, Cuadrado, Kean. Allenatore: Allegri.

CAGLIARI (4-3-1-2): Cragno; Padoin, Pisacane, Andreolli, Miangue; Barella, Cigarini, Ionita, Joao Pedro; Farias, Sau. A disposizione: Rafael, Crosta, Ceppitelli, Romagna, Salomon, Capuano, Dessena, Faragò, Deiola, Cossu, Giannetti. Allenatore: Rastelli.

ARBITRO: Maresca di Napoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *