Pescara-Udinese Streaming Link Gratis dove vedere Diretta Live Tv Rojadirecta

By | 12/03/2017
(Visite Totali 5 ---- Visite Oggi 1 )

Pescara-Udinese Streaming Gratis Rojadirecta: le probabili formazioni, statistiche del match, info su diretta tv live e dichiarazioni

Serie A, Pescara-Udinese streaming gratis. Sono uscite pochi minuti fa le formazioni ufficiali con cui abruzzesi e friulani scenderanno in campo fra poco meno di un quarto d’ora. Qualche sorpresa soprattutto per quanto riguarda i padroni di casa: Zeman conferma al centro dell’attacco Cerri, ma non può contare su Caprari, che va in tribuna causa problemi muscolari che lo hanno fermato per tutta la settimana. Al posto dell’ex Roma c’è Mitrita. Recuperato invece Zampano in difesa, dove al centro giocherà Bovo. Del Neri invece conferma grosso modo lo schieramento ipotizzato in questi giorni, con Thereau pienamente recuperato e che prende il posto di Perica al centro dell’attacco nel tridente insieme a Zapata e De Paul. Pescara (4-3-3): Bizzarri; Zampano, Stendardo, Bovo, Biraghi; Verre, Bruno, Memushaj; Benali, Cerri, Mitrita. Udinese (4-3-3): Karnezis; Widmer; Danilo, Angella, Samir; Badu, Hallfredsson, Jankto; De Paul, Zapata, Thereau.

Pescara-Udinese streaming gratis Rojadirecta: le ultime dall’Adriatico

Dieci punti dall’Empoli quando mancano dieci giornate alla fine del campionato: l’impresa del Pescara sta diventando quasi impossibile, ma per alimentare una flebile speranza servirebbe davvero una vittoria oggi all’Adriatico contro l’Udinese, che settimana scorsa ha fermato la Juventus tra le mura amiche con una prestazione importante. Non sarà una gara dal risultato scontato, ma tutto dipenderà anche dalle motivazioni dei friulani, che ormai hanno raggiunto il loro obiettivo stagionale (la salvezza) e avrebbero soltanto un piano ambizioso, e cioè valorizzare i propri giovani come un tempo riusciva solo a fare Guidolin. Certo, la materia prima non è proprio la stessa (non si vedono prospetti come Sanchez in rosa), ma i giocatori talentuosi ci sono. Peccato per Fofana, che ha rimediato un grave infortunio che lo terrà fuori fino a estate inoltrata. Stesso discorso anche per il Pescara, che con Zeman vorebbe anche avere una guida che possa far emergere quei talenti che con Oddo faticavano a giocare (vedi Cerri). Vediamo dunque i possibili schieramenti decisi dai due allenatori e soprattutto dove vedere Pescara-Udinese in streaming gratis diretta live tv Rojadirecta.

Pescara-Udinese streaming gratis Rojadirecta: lo schieramento scelto da Zeman

QUI PESCARA – Una buona e una cattiva nozia per Zeman, che recupera Zampano dall’infortunio ma perde Coda per squalifica. In difesa dunque si va verso un ballottaggio tra Bovo e Fornasier, mentre Campagnaro non è stato nemmeno convocato per via di problemi fisici. Ancora out sia Gilardino che Bahebeck, giocherà sempre Cerri al fianco di Caprari, che ha preso una botta in allenamento ma dovrebbe farcela. Ecco le parole dell’allenatore in conferenza stampa:”Mi aspetto qualcosa di buono dalla mia squadra, ci stiamo impegnando ma manca qualche automatismo. Importante sarà la voglia di vincere. Bovo ha possibilità di giocare, è un calciatore affidabile ma questa scelta tra lui e Fornasier la devo ancora fare. Caprari ieri ha preso una botta da Zampano, ora sta a riposo e domani vedremo.
Cubas e Brugman devono metterci più cattiveria, tecnicamente sono giocatori validi; a centrocampo ho bisogno anche di gente più pesante. Zampano è recuperato e ci sarà. Fino a quando ci sarà la matematica, noi ci saremo e lotteremo sempre. La squadra si allena bene, mi da soddisfazioni”.

Pescara-Udinese streaming gratis Rojadirecta: lo schieramento scelto da Del Neri

QUI UDINESE – Pienamente recuperato Thereau: è questa la notizia che voleva sentire Del Neri: il francesce, dopo aver saltato il match con la Juventus, tornerà al centro dell’attacco insieme a Zapata. Partirà dunque dalla panchina Perica. Linea mediana che sarà composta da Jankto, Badu e Hallfredsson. Ovviamente out Fofana ma anche Felipe. Giocherà Angela in difesa. Ecco le parole del tecnico bianconero: “Il Pescara giocherà ogni partita con furore, non hanno niente da perdere. Dovremo stare attenti come contro la Juve per portare a casa dei punti. Dovremo non concedere campo al Pescara, Caprari ha qualità, Cerri è un riferimento importante. E con Zeman hanno acquistato velocità. Mancherà Felipe, martedì ha sentito dolore, ma senza strappo. Mancherà anche Fofana che stava facendo molto bene e mi dispiace. Thereau se starà bene giocherà senza dubbi. Al centro giocherà Angella. Partiremo con il 4-3-3, poi si vedrà. Perica e Zapata? Hanno fatto bene difensivamente, ma devono creare un reparto e non sono pronti. Devono conoscersi meglio, ci stiamo lavorando”.

PESCARA (4-3-3): Bizzarri; Zampano, Stendardo, Fornasier, Biraghi; Verre, Brugman, Memushaj; Benali, Cerri, Caprari. All. Zeman

UDINESE (4-3-3): Karnezis; Widmer, Danilo, Heurtaux, Samir; Badu, Hallfredsson, Jankto; De Paul, Zapata, Thereau. All. Delneri

Pescara-Udinese streaming gratis Rojadirecta: statistiche del match

Analizziamo il match attraverso le statistiche OPTA. Udinese imbattuta nei sette precedenti con il Pescara in Serie A: cinque vittorie friulane, due pareggi. L’Udinese ha trovato il gol in tutti questi sette match contro i Delfini nel massimo campionato (15 in totale le reti bianconere). Le due sfide terminate in parità sono tuttavia relative ai primi due confronti giocati in Abruzzo nel massimo campionato, a cui è seguito il successo dei bianconeri per 1-0 nel marzo 2013. Il Pescara ha perso otto delle ultime nove partite di campionato (in mezzo la vittoria 5-0 sul Genoa): in queste otto sconfitte gli abruzzesi hanno subito in media 3.4 reti ad incontro. Con il Genoa, i Delfini hanno ritrovato il successo casalingo in Serie A dopo 21 partite senza vittorie (quattro pareggi, 17 sconfitte). Nelle nove giornate disputate nel 2017, solo il Pescara (tre) ha ottenuto meno punti dell’Udinese (cinque) in Serie A. L’Udinese non ha segnato alcun gol nelle ultime cinque trasferte di campionato: solo una volta nella sua storia (gennaio-aprile 1983) è rimasta per sei gare esterne di fila senza reti in Serie A. Il Pescara è la squadra che ha segnato meno gol di testa in questa Serie A, due; segue l’Udinese con tre. Il club abruzzese è anche quello che ha subito più reti in questo modo, 13. Cyril Théréau ha segnato tre gol e fornito un assist nelle tre presenze contro il Pescara in Serie A. Dopo quattro presenze da subentrato con Massimo Oddo, Alberto Cerri ha giocato dal primo minuto tutte le tre gare di Serie A dall’arrivo di Zdenek Zeman, segnando due reti.

Pescar-Udinese streaming gratis Rojadirecta: dove vedere diretta tv

Vediamo dove poter seguire la partita attraverso lo streaming su pc, tablet e smartphone: sono tante le offerte disponibili, alcune veramente molto interessanti. Andiamo a vederle nel dettaglio.

La gara delle 15, valida per la 28.a giornata di Serie A, sarà trasmessa da Sky Calcio 1 e Premium Sport (servizio accessibile solo agli abbonati): entrambe le reti danno inoltre la possibilità di godersi la partita su smartphone e tablet attraverso i servizi Sky Go e Premium Play.

Ottima anche l’alternativa offerta da Now Tv, per chi non è abbonato Sky: con 9,90 € si può acquistare la singola partita. Non dimentichiamo i vari siti ed emittenti straniere che hanno acquisiti i diritti alla trasmissione radiotelevisiva del match di domenica. Tra queste annoveriamo: América Televisión, Panama con TVMax, Romania con Pro TV, Nicaragua con Canal 4, Repubblica Ceca con CT, Portogallo con RTP, Paesi Bassi con SBS, Norvegia con MTG, Paraguay con SNT, Porto Rico con Fox.

Ricordiamo inoltre che Rojadirecta, sito attraverso cui si potevano vedere le partite gratis, è stato dichiarato illegale ed è vietato l’utilizzo di questo genere di piattaforme: lo scorso 27 ottobre infatti il fondatore dell’emittente, Igor Seoane Miñan, è stato arrestato. Gli agenti gli hanno messo le manette ai polsi in un tribunale di La Coruna, in Spagna.

Doppia bocciatura per le Linee Guida presentate dalla Lega Serie A per la vendita dei diritti tv 2018-21. L’Antitrust le ha bocciate. L’Agcom invece ha chiesto di apportare alcune modifiche. L’authority garante per la concorrenza e il mercato censura l’eccessiva “genericità dei criteri di formazione dei pacchetti”. Una mancanza di dettagli che, secondo l’Antitrust, rende “impossibile esprimere alcuna valutazione di conformità” alla Legge Melandri. Nella motivazione della decisione si paventa “un’eccessiva discrezionalità” da parte della Lega Serie A. “Ne consegue – aggiunge l’Antitrust – che non è possibile stabilire, o escludere, se le regole di assegnazione siano in grado di impedire la costituzione di pacchetti commercialmente sproporzionati tra di loro. Tale sproporzione può astrattamente comportare una differenziazione tale da non permettere una efficace concorrenza nel mercato della pay-tv”.

Inevitabile avvertire in questa stroncatura l’eco della convulsa asta dei diritti tv 2015-18 che ha continuato a produrre effetti fino a poche settimane fa. A dicembre il Tar della Lazio ha annullato le multe comminate dall’Antitrust a Lega, Infront, Mediaset e Sky per la controversa procedura di sub-licenza del pacchetto D. L’authority è stata criticata per non essersi attivata nell’estate 2014 al momento dell’assegnazione dei diritti dopo giorni particolarmente infuocati.
Più in generale Antitrust e Agcom non sono entusiasti all’idea di esprimere pareri preventivi con mesi di anticipo rispetto al successivo atteggiarsi del mercato in questo settore. Un compito anomalo per commissari abituati a intervenire ex post su dinamiche economiche che si sono già verificate.

Il pericolo di dare il via libera a una dinamica “al buio”, senza conoscere il destino dei protagonisti, è accresciuto dalla situazione di Premium, al centro come tutta la galassia Mediaset della querelle con Vivendi. Non a caso Infront – ieri l’advisor ha espresso “sorpresa” sostenendo che queste linee guida sono “più precise e stringenti delle precedenti” – aveva ipotizzato un rinvio della vendita dei diritti domestici, con conseguente anticipo della cessione degli internazionali, proprio per attendere la definizione di questa battaglia fondamentale per capire come potrà presentarsi ai nastri di partenza il principale concorrente di Sky, meno entusiasta di uno slittamento. In una fase di totale incertezza il rallentamento, determinato da questa bocciatura, può essere funzionale a una pausa di riflessione.

(Visite Totali 5 ---- Visite Oggi 1 )