Wikipedia, clamorosa decisione contro il Daily Mail: “non è affidabile”

By | 10/02/2017
(Visite Totali 13 ---- Visite Oggi 1 )

Wikipedia mette al bando il Daily Mail per via delle notizie false che vengono pubblicate nel quotidiano inglese.

Fake news, post verità e fact checking sono state tra le parole più utilizzate del 2016 e in questo inizio di anno nuovo: l’argomento è complesso e potenzialmente molto lungo, ma sinteticamente viviamo in un’epoca dove i fatti oggettivi contano meno delle proprie convinzioni personali. Ed esistono siti, giornali e blog che ogni giorno cavalcano gli istinti più beceri delle persone per guadagnare qualche click in più. Recentemente Facebook e altri quotidiani illustri (uno su tutti Le Monde) hanno intrapreso una strada che è quella di informare il lettore anche su quelle che sono vere e proprie bufale. Adesso dalla loro parte si è schierata anche Wikipedia: attraverso la Wikimedia Foundantions sono arrivate vere parole al vetriolo nei confronti del Daily Mail, il tabloid britannico che secondo la fondazione “pubblica notizie non verificate, fa scarso utilizzo del fact checking ed utilizza un taglio sensazionalistico”. Ecco così dato il benservito al quotidiano inglese, che più volte era stato segnalato agli utenti come una fonte non affidabile: infatti la testata britannica spesso non verifica le notizie che riporta e non rispetta le norme sulla privacy dei minori pubblicando fotografie che li immortalano.

Wikipedia, il Daily Mail non verifica i fatti: la testata britannica viene bandita

Il discorso ruota sempre intorno al concetto di fact checking, ovvero la verifica dei fatti, che secondo Wikipedia non è svolta in maniera accurata dai giornalisti del Daily Mail (opinione peraltro condivisa da molti). Un giornale considerato dalla maggior parte dell’opinione pubblica inattendibile, e così la più grande enciclopedia del mondo ha deciso di bandirlo dalle sue fonti. Il numero di articoli che dovranno essere rivisti e modificati nell’arco dei prossimi mesi supera i 10mila. Ora si attende anche la replica del quotidiano d’Oltremanica, a cui non sembra andare una cosa nel verso giusto nell’ultimo periodo: infatti è notizia di pochi minuti fa che la neo first lady americana, Melania Trump, ha deciso di querelarlo. Il motivo? Il tabloid aveva riportato una notizia secondo la quale Melania in passato avesse fatto la escort. Dopo essersi reso conto della cantonata. il Daily Mail ha cercato di rattoppare la situazione muovendo scuse ufficiali alla first lady, che però evidentemente non le ha accettate e ha chiesto un risarcimento per calunnie da 150 milioni di dollari.