Taormina. In manette due medici del Servizio di emergenza sanitaria 118

By | 16/02/2017
(Visite Totali 1 ---- Visite Oggi 1 )

Sono entrambi medici del servizio 118 di Letojanni e sono accusati di assenteismo e false sottoscrizioni. Nei loro confronti è stata eseguita dai poliziotti del commissariato di Taormina un’ordinanza di misure cautelari in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Messina, Salvatore Mastroeni, su richiesta della sostituta Anna Maria Arena. Secondo le accuse, i due medici si assentavano dal posto di lavoro per interi turni di servizio, simulando la presenza e sottoscrivendo l’apposito registro.

Il gip ha inoltre disposto a carico di ciascuno degli indagati il sequestro preventivo per equivalente di somme di denaro pari a oltre 16mila euro per l’uno e quasi 15mila euro per l’altro, come danno arrecato alla pubblica amministrazione. I dettagli dell’esame saranno illustrati nel cammino che una meeting carattere quale si terrà alle 11.30 nella Polizia che Messina. Risultavano presenti nei turni di notte mentre in realtà si trovavano nelle loro abitazioni o comunque lontani dalla sede di lavoro.

L’inchiesta della Procura di Messina ha portato in carcere Antonino Corica, di 53 anni, e Antonino Ferlito, di 51. Sono 40 per un medico e 36 per l’altro, gli episodi di assenza ingiustificata accertati attraverso l’osservazione di immagini riprese dalle telecamere, l’acquisizione di copie dei registri di presenza, intercettazioni e analisi dei tabulati delle utenze telefoniche dei due. “Senza preoccuparsi di nascondere le illecite condotte, ponevano in essere atteggiamenti di sfida nei confronti dei colleghi di lavoro e/o di chiunque provasse a contrastarli “…è la mia parola contro la sua…