Litiga con la figlia e i bulldog l’attaccano: madre muore sbranata

0
254
bulldog sbrana madre lite figlia

Una madre di tre figli è stata sbranata viva dai suoi due cani mentre tutto il vicinato cercava di fermare l’attacco con dei mattoni, senza successo. Tutto è accaduto dopo una lite con la figlia, a Widnes, Chesire.

I fatti avvenuti nel 2019

Elayne Stanley, una donna di 44 anni, era a casa sua nel Chesire quando ha cominciato a litigare con la figlia. Accadeva il 24 settembre del 2019, ma solo oggi la figlia ha potuto testimoniare davanti alla corte.

Louise Smith – questo il nome della figlia della deceduta – ha raccontato che i bulldog avevano vissuto con la madre per oltre tre anni al momento dell’accaduto: “Mia madre era molto felice con loro” – ha dichiarato – “Li faceva tranquillamente andare in giro tra i suoi e i miei figli”.

Riaperta l’inchiesta sul caso

Secondo l’inchiesta, in realtà, è emerso che i cani erano precedentemente appartenuti al compagno della Stanley, Parr Hall, al quale era stato chiesto di metterli sotto controllo già nel 2016, come registrato dagli atti. La figlia ha dichiarato di non saperne niente e che la madre non aveva mai fatto menzione a questi incidenti.

Poi la figlia ha ricordato il giorno dell’incidente, portando alla memoria gli ultimi istanti della vita della madre:Billy e Dj erano cani molto grossi, ha detto. Per questo motivo, non è riuscita a staccarli dal corpo della madre, dopo che avevano cominciato a morderla. Erano diventati particolarmente agitati dopo una conversazione che era scoppiata tra madre e figlia.

I vicini hanno testimoniato di aver lanciato mattoni contro i cani, senza alcun tipo di risultato. Jason Lennox, a capo della legislazione canina del Chesire, ha dichiarato che i cani potrebbero aver cercato di proteggere la figlia dalla madre, dopo aver sentito che era incinta. Si tratterebbe di un istinto innato, quello di proteggere una persona incinta, che va oltre anche la persona che i cani considerano come un padrone.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here