Da Astrazeneca a Pfizer: quali sono le tempistiche per la seconda dose?

0
1161
seconda dose infografica

Dopo che molti italiani hanno ricevuto la prima dose di vaccino (parliamo di 28.382.984 dosi somministrate) il dubbio che ora sorge è quello relativo alla tempistica per la seconda dose. Questo soprattutto dopo che Aifa, Ema e i vari colossi farmaceutici hanno avuto un tira e molla sulla questione appunto relativa al tempo che deve intercorrere tra una dose e l’altra del vaccino.

Leggi anche -> Vaccino Covid, i primi studi: calano i rischi di decesso e ricoveri. A Roma esaurite 120 mila dosi in tre ore

Vediamo ora nel dettaglio quali sono le tempistiche varie per ogni vaccino che è stato emesso sul nostro territorio. Per quanto riguarda il vaccino Pfizer, come riportato nel foglietto illustrativo, la seconda dose dovrebbe essere inoculata dopo 21 giorni. Per quanto riguarda invece il vaccino Moderna, la tempistica slitta di una settimana, quindi per la seconda dose occorrerà attendere 28 giorni.

Invece per quanto riguarda Astrazeneca la questione è più complessa in quanto per la seconda dose occorrerà attendere una tempistica che va dai 28 agli 84 giorni.
L’unico vaccino che non richiede la seconda dose è quello prodotto da Johnson&Johnson in quanto questo vaccino è monodose e quindi il problema non si pone.

A questo punto però occorre specificare che l’Agenzia europea del farmaco, ha definito che per i vaccini mRna, ovvero Moderna e Pfizer, si possono attendere fino a 42 giorni prima della seconda dose, questo sulla scia tracciata dalla Gran Bretagna.
Anche l’Aifa e il Comitato Tecnico Scientifico hanno deciso che si può percorrere questa strada, in quanto con un intervallo più lungo di tempo prima di inoculare la seconda dose, si possono vaccinare molte più persone con la prima dose.

Sulla questione delle tempistiche prima della seconda dose però il colosso Pfizer frena, specificando che sarebbe necessario seguire quanto riportato nel foglietto illustrativo, dal momento che non si è ancora condotto un test per verificare quanto accade se la somministrazione viene ritardata. Ma l’Aifa e l’Ema hanno detto che si può attendere fino a 42 giorni.

Tempistiche Regione per Regione tra la prima e la seconda dose

Vediamo ora nello specifico le tempistiche per Regione, in quanto i vari Governatori hanno deciso autonomamente i tempi per la seconda dose.

  • Abruzzo. Pfizer: 21 giorni; Moderna: 28 giorni
  • Basilicata. Pfizer: 35 giorni; Moderna: 35 giorni
  • Calabria. Pfizer: 35 giorni; Moderna: 35 giorni
  • Campania. Pfizer: 30 giorni; Moderna: 30 giorni
  • Emilia-Romagna. Pfizer: 35 giorni; Moderna: 35 giorni
  • Friuli Venezia-Giulia. Pfizer: 42 giorni; Moderna: 42 giorni
  • Lazio. Pfizer: 35 giorni; Moderna: 35 giorni
  • Liguria. Pfizer: 42 giorni; Moderna: 42 giorni
  • Lombardia. Pfizer: 42 giorni; Moderna: 42 giorni
  • Marche. Pfizer: 42 giorni; Moderna: 42 giorni
  • Molise. Pfizer: 42 giorni; Moderna: 42 giorni
  • Piemonte. Pfizer: 35 giorni; Moderna: 35 giorni
  • Provincia autonoma di Bolzano. Pfizer: 42 giorni; Moderna: 42 giorni
  • Provincia autonoma di Trento. Pfizer: 42 giorni; Moderna: 42 giorni
  • Puglia. Pfizer: 35 giorni; Moderna: 35 giorni
  • Sardegna. Pfizer: 21 giorni; Moderna: 28 giorni
  • Sicilia. Pfizer: 35 giorni; Moderna: 35 giorni
  • Toscana. Pfizer: 42 giorni; Moderna: 42 giorni
  • Umbria. Pfizer: 35 giorni; Moderna: 35 giorni
  • Valle d’Aosta. Pfizer: 21 giorni; Moderna: 28 giorni
  • Veneto. Pfizer: 42 giorni; Moderna: 42 giorni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here