“Sta devastando questo paese”: Denis Dosio sconvolge il web con un video shock

0
269

Denis Dosio si trova tra le tendenze di oggi Twitter Italia, ed ecco il perché.

Ad un anno dalla sua partecipazione al Grande Fratello VIP, l’influencer carica un nuovo video sul suo account OnlyFans. Ed è il via allo sconcerto generale sui social.

Nel video in questione l’ex gieffino viene ripreso mentre si infila nel “lato B” delle patatine fritte del McDonald’s. Una scena che ha lasciato sgomenti molti, ma che comunque va ad aggiungersi ai contenuti “esclusivi” sulla piattaforma a pagamento.

Il video OnlyFans di Danis Dosio che sconvolge il web

I commenti sui social sono tra i più disparati, ma generalmente si tratta di reazioni di sconcerto, un utente scrive: “Non mangerò patatine del mc per un bel po’ mi sa“. Mentre un altro gli fa eco: “Ho appena visto quel video di Denis Dosio e sto valutando di cavarmi gli occhi“.

La cosa è diventata abbastanza virale, c’è chi sdrammatizza pubblicando meme, chi si chiede il perché Denis abbia deciso di fare una cosa del genere: “Ma perché?” sembra la domanda generale.

Soprattutto, però, c’è chi si domanda: “Chi pagherebbe per vedere un video simile?”

Eppure qualcuno c’è, perché solo pochi giorni fa Dosio aveva parlato del suo account OnlyFans a Novella 2000, rivelando l’andamento più che positivo del profilo: “In meno di 24 ore dall’apertura – del profilo – ho avuto oltre 1000 fan. La cosa mi rende felice”.

E sfiderei ad essere altro se non felice.

L’account si è subito rivelato più che remunerativo per il giovane, e per capire quanto basta fare della semplice matematica: un abbonamento al suo profilo costa 15 dollari, e moltiplicando la somma per il numero di iscritti nelle sole prime 24 ore si parla di un guadagno di 15.000 dollari, che in Euro corrispondo a circa 12.900 euro. Una bella cifra, insomma.

Economicamente parlando, ne sarà sicuramente valsa la pena, dall’altra parte il video pare abbia fatto perdere di credibilità il giovane influencer, come dimostrato dai commenti su Twitter (sebbene c’è chi ritenga che l’importante è che se ne parli):

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here