La nonna muore e una foto shock scatena una rissa tra parenti – una storia assurda

0
864

Ognuno ha il proprio modo di elaborare un lutto. E’ un sentimento così intimo e personale che forse non esiste davvero un modo sbagliato di superare un dolore così grande. C’è chi si chiude in sé stesso, chi ha bisogno di tanto tempo, chi chiede aiuto agli altri per uscire dal proprio tunnel di angoscia e strazio e poi c’è ancora chi va oltre, molto oltre.

Camera mortuaria

Nell’era della socialità h24 e dell’esposizione mediatica costante, d’altronde c’è chi si geolocalizza all’ospedale rispondendo poi nei commenti che va bene tutto e non c’è nulla di cui preoccuparsi – anche il lutto, infatti, può essere in grado di divenire altro, di vestire nuovi panni. Un po’ proprio come è successo a Pesaro.

“Cosa diciamo al dio della morte?” First, let me take a selfie!

Nella camera mortuaria di Pesaro una famiglia è stretta nel dolore per la perdita della nonna. La bara aperta, però, diventa una tentazione irresistibile: che si sia trattato di una sciocchezza, di un gesto ingenuo o di una scelta ponderata, ancora non è dato saperlo. Tuttavia succede l’irreparabile e di lì a poco si consuma una tragedia nella tragedia.

Jayne Rivera

La nipote della nonna infatti, forse per immortalare per un’ultima volta il suo viso prima di non vederlo più, decide prima del funerale di scattare una foto alla salma. Il problema, per quanto già questo gesto possa essere considerato eccessivo, è quello che la ragazza fa poi con lo scatto. Non resta un ricordo personale, piuttosto diventa un post Facebook col quale esternare il proprio dolore, cercando conforto tra i commenti degli altri utenti.

Ma un’immagine del genere non può rimanere anonima. Non capita tutti i giorni, infatti, di trovarsi nella propria home il volto di un’anziana signora deceduta, magari la si era conosciuta anche in vita e questo non può che far peggiorare le cose. Ma non solo. Alcuni parenti, venuti a conoscenza del fatto, molto arrabbiati, decidono di avere conto e soddisfazione dalla giovane.

Ed è così che la camera mortuaria, un luogo di pace e silenzio, diventa teatro di una furibonda lita familiare. I parenti in questione, infatti, intimano alla ragazza di rimuovere subito il post su Facebook con la foto della nonna. Ma le cose precipitano. Forse per eccessiva foga da parte di chi cercava di preservare l’immagine della defunta, l’atmosfera si surriscalda con urla e qualche spinta. Solo con l’arrivo della Polizia, chiamata dalla famiglia, la situazione torna alla normalità. Del post al momento, però, non se ne sa nulla.
Ma quello che è successo a Pesaro non è una novità. Ha fatto molto discutere qualche mese fa, infatti, la scelta di un’influenzer, Jayne Rivera, di posare davanti alla tomba del padre – come se fosse su un set fotografico – condividendo poi lo scatto. La TikToker poi aveva provato a difendersi intervistata dalla NBC, motivando il suo gesto: “Ognuno gestisce a proprio modo la perdita di una persona cara. Alcuni più tradizionalmente, ad altri piace infrangere i tabù”.
“Ma ho agito con le migliori intenzioni in un modo che mio padre avrebbe approvato da vivo. Per me, ho affrontato la morte come se lui fosse ancora vicino a me, in posa davanti alla fotocamera come ha fatto in molte occasioni da vivo”, ha concluso la modella.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here