75mila euro per tre figli: la ricetta coreana per contrastare la decrescita della natalità

0
146

Al fine di contrastare una sempre più preoccupante decrescita della natalità, una città sudcoreana offre 75mila euro a chi fa 3 figli.

In Italia conosciamo bene il problema della decrescita della natalità. Il nostro Paese è quello con l’età media più alta d’Europa ed il secondo Paese nel mondo (davanti a noi c’è solamente il Giappone). Inoltre la crescita della popolazione è da qualche anno sotto lo 0, il che vuol dire che gli italiani sono sempre più restii a fare figli. Le motivazioni sono tante, ma la principale è quella di natura economica: il tasso di disoccupazione giovanile è altissimo e quelli che riescono a trovarne uno rimangono precari per decenni.

L’attuale crisi sanitaria ed economica non ha fatto che acuire le incertezze degli italiani ed è necessario da parte del governo trovare una soluzione per contrastare un fenomeno decisamente preoccupante. Un primo passo è stato fatto nella Legge di Bilancio 2021, all’interno della quale è stato inserito l’assegno unico per i figli. La normativa prevede che le famiglie ricevano un assegno mensile per ogni figlio a carico a partire dal prossimo luglio. L’assegno dovrebbe essere corrisposto a partire dal settimo mese di gravidanza fino al ventunesimo anno di età. Attualmente, però, non si conosce l’entità dell’assegno che dovrebbe variare in base al reddito dagli 80 ai 250 euro mensili.

Decrescita della natalità, la ricetta della città coreana

Una soluzione completamente diversa a quella strutturata dal nostro governo è stata proposta dalla città sudcoreana di Changwon, capitale della Provincia di Gyeongsang. Secondo quanto riferito dai media locali, infatti, l’amministrazione ha deciso di offrire l’equivalente di circa 75mila euro alle famiglie con almeno 3 figli. Inoltre il governo locale propone presti per 100 milioni di won (circa 75 milioni di euro) a tutte le coppie sposate. Un assistenza economica decisamente generosa al fine di convincere le famiglie ed i giovani della zona ad incrementare la natalità.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here