Stermina l’intera famiglia e viene condannata a morte: dopo 11 anni si dice innocente

0
240
Donna massacra famiglia

Shabnam Ali, una donna residente in India, è stata condannata a morte dopo essere stata giudicata colpevole degli omicidi di sua madre, suo padre, due fratelli, cognata, cugina e nipote di 10 mesi la notte del 14 aprile 2008. Tutte le vittime erano state addormentate con latte e sonniferi prima di essere sgozzate con un’ascia.

La donna, che al momento delle uccisioni era incinta, ora nega la sua responsabilità nel massacro dei sette membri della sua famiglia.

Delitto per motivi passionali

Complice di Shabnam è stato il suo ragazzo Salim: entrambi sono stati arrestati cinque giorni dopo gli efferati omicidi. Il motivo della carneficina venne ricondotto dagli stessi responsabili ad un movente di tipo passionale, in quanto la famiglia si era opposta alla loro relazione. 

Al momento del suo arresto, Shabnam confessò inizialmente di aver strangolato il nipote Arsh di 10 mesi dopo che Salim aveva utilizzato l’ascia contro di lui.
In una dichiarazione ha detto: “Il bambino continuava a piangere ma Salim mi ha detto che non doveva essere toccato. Ma avevo paura, quindi l’ho soffocato io stesso”.

La negazione del crimine dopo 11 anni di reclusione

Ma dopo 11 anni nel braccio della morte, Shabnam ha negato i crimini commessi.
Usman Saifi, un caro amico di Shabnam che ha adottato il figlio dodicenne Taj Mohammad (nato in prigione nel 2010) ha dichiarato ad Arab News: “Quando abbiamo incontrato Shabnam domenica, mi ha detto che non è l’assassina e che dovrebbe esserci un’indagine adeguata.”

Per l’avvocato di Shabnam Arshad Ansar questo non è possibile: “Un caso può essere indagato prima del deposito del foglio di accusa e durante le fasi iniziali del processo”, ha dichiarato, per poi aggiungere “Ora che è nel braccio della morte, è altamente improbabile che il caso possa essere riaperto”.

Suhas Chakma: “La pena di morte dovrebbe essere abrogata”

L’avvocato per i diritti umani Suhas Chakma sottolinea che se l’esecuzione andrà avanti, Shabnam sarà solo la seconda donna ad essere impiccata nella storia dell’India e che la pena di morte dovrebbe essere abrogata: “L’impiccagione dovrebbe essere un deterrente, ma non funziona. Perché lo stato dovrebbe indulgere nell’atto raccapricciante di uccidere qualcuno?” ha evidenziato l’attivista.

Lo zio di Shabnam, Sattar Ali, che vive accanto alla casa dove sono è avvenuto il massacro, ha dichiarato che si rifiuterà di darle qualsiasi tipo di funerale dopo che la donna verrà giustiziata tramite impiccagione: “Non voglio avere niente a che fare con lei”, ha detto. “Non è nessuno per noi. L’abbiamo dimenticata molto tempo fa”.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here