Bolle e la foto nudo su Instagram, le fan in visibilio: “C’è chi ha zoomato e chi mente”

0
1124

Eccellenza nel mondo della danza ed orgoglio italiano, Roberto Bolle è ammirato in Italia e nel mondo.

D’altra parte, è il primo ballerino al mondo a essere contemporaneamente Étoile del Teatro alla Scala di Milano e Principal Dancer dell’American Ballet Theatre di New York: un fuoriclasse assoluto.

Ha anche un importante seguito social, con oltre 740mila follower su Instagram.

Follower che delizia con foto e video di scena, ma anche con foto tratte dalla vita di tutti i giorni, dove appare in tutta la sua forma (da prendere in senso letterale: è incredibile davvero come in Roberto Bolle sia possibile ammirare ogni singolo fascio di muscoli – vederlo è una lezione di anatomia).

Stavolta Roberto Bolle si è spinto un passo oltre, riproponendo una foto del 2009 in cui si è fatto fotografare interamente nudo.

Come scritto nella descrizione della foto, si tratta della prima foto in assoluto in cui il ballerino nato a Casale Monferrato nel 1975 ha deciso di farsi fotografare senza veli.

E nei commenti le follower vanno in delirio, con commenti che vedremmo tranquillamente sotto un post di Diletta Leotta (ma in quel caso a commentare sarebbero i maschietti), tra chi sottolinea la perfezione del corpo del ballerino e chi scrive “c’è chi ha zoomato e chi mente”.

LEGGI ANCHE => Il buongiorno di Diletta Leotta in accappatoio scatena i follower: “C’è chi vorrebbe essere la vasca”

A testimonianza che, in the end, Gli Uomini e le Donne Sono Uguali (come cantava Cesare Cremonini lunghi anni fa).

Anche se magari le donne cercano di buttarla sul sublime: “Nemmeno il Doriforo è così perfetto e sublime…❤️”

doriforo

Spazio cultura: il Doriforo è una scultura in marmo conservata presso il museo archeologico nazionale di Napoli realizzata tra la fine del II secolo a.C. e l’inizio del I secolo a.C. e che rappresenta la copia più fedele di un originale Doriforo bronzeo di età classica, eseguito da Policleto e databile intorno al 450 a.C.

L’opera raffigura probabilmente (si scrive probabilmente perché nessuno ha avuto la fortuna di chiederlo a Policleto) Achille con la lancia e rappresenta per antonomasia un esempio di proporzione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here