Rudy Zerbi fa gli auguri di Pasqua ai suoi follower con un dolce tipico del sud: lo conoscete?

0
439
zerbi e la cuddura

Nel giorno di Pasqua arriva il momento di fare gli auguri ai propri cari.

E, per chi è una celebrità sui social, arriva il momento di fare gli auguri ai propri follower.

Ne ha un milione e ottocentomila Rudy Zerbi, amatissimo sui social e sempre pronto a regalare un sorriso ai propri seguaci.

Nello specifico Zerbi ha postato una propria foto con un dolce (riteniamo dolce, ma potrebbe essere anche la versione salata) pasquale, di cui parleremo di seguito.

A corredo, un semplice messaggio: “Festeggiare sì ma con moderazione! Buona Pasqua a tutti!!!”

Moderazione necessaria, considerando le contingenze in cui ci troviamo.

LEGGI ANCHE => Papa Francesco durante il Messaggio Pasquale pensa ai popoli in guerra, ai poveri e ai giovani

Ma cos’è il prodotto che il sorridente Zerbi mostra ai suoi follower?

Rudy Zerbi e la cuddura: di cosa si tratta?

Si tratta di una cuddura, “tipo di ciambella intrecciata diffusa in tutta l’Italia meridionale” (Wikipedia docet) che può essere sia dolce che salata e che spesso contiene una o più uova sode.

E’ una preparazione tipica del sud d’Italia (e delle isole) che ha più nomi di quelli che gli eschimesi danno alle neve, anche se il nome con cui la abbiamo indicata – cuddura – deriva dal greco antico (κολλύρα – “pagnotta”).

Lo si produce (in casa e non solo) in Sicilia, Calabria, in parti di Puglia, Basilicata e Campania, oltre che in alcune zone della Sardegna (dove una preparazione molto simile è nota come Cocói a pitzus – Cocói cun s’ou a pasqua, con un uovo all’interno).

Sicilia e Calabria particolarmente sono note per produzioni di cuddure varie ed eventuali.

Nell’isola più grande del Mediterraneo in particolar modo, in periodo pasquale viene prodotta la cuddura cu l’ova (la “cuddura con le uova”), biscotto decorativo con un uovo sodo al centro cotto al forno.

E un po’ come per l’arancin*, a Palermo e a Catania hanno due nomi diversi: pani cu’ l’ovu (“pane con l’uovo”) nel palermitano e aceddu cu’ l’ova (“uccello con le uova”) a Catania, giacché i creativi etnei sono soliti produrre cuddure a forma di uccello.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here