Due uomini seppelliti immortalati da Google Maps: la verità dietro lo scatto

0
550
art exhibition in Google Maps

Chi di noi non si è mai divertito a ricercare con Google Maps scene particolari immortalate in mezzo alle strade oppure luoghi aperti recanti scritte a caratteri cubitali inneggianti a un certo organo femminile? Ammettetelo almeno una volta nella vostra vita anche voi lo avete fatto e vi siete pure divertiti. In questo caso però lo spavento che si è preso chi ha notato una coppia sdraiata come morta in due fosse scavate nel terreno deve essere stato davvero tremendo.

Infatti qualcuno ha notato come Google Maps abbia scattato una foto in una porzione di terreno in un’area apparentemente remota. Questa foto è stata scattata in un campo, ma quello che è stato immortalato dalla telecamera del colosso di Internet è quanto mai assurda. A quanto si vede ci sono due persone distese in due fosse scavate nel terreno. Qualcuno ha provato a darsi una spiegazione di cosa ci facessero due persone lì, ma soprattutto per quale ragione le due fosse non fossero state ricoperte di terra, nonostante il cumulo presente ai lati. Da qui il pensiero che forse non si trattava propriamente di due cadaveri.

Niente paura: è solo una rappresentazione artistica!

Ebbene sì, i due uomini presenti nelle due fosse, non erano morti ma vivi e vegeti, semplicemente stavano mettendo in scena una performance artistica dal titolo “Untitled (Graves)“. La coppia di artisti, coppia anche nella vita, è formata da Dutes Miller e Stan Shellabarger.

Il Presidente della Western Exhibitions, Scott Deh, ha dichiarato che i due artisti scavano una fossa delle dimensioni del loro corpo, poi una volta sdraiaticisi dentro cominciano con le mani a scavare lateralmente finché le due mani non si possono unire, in una metafora dell’amore eterno.

L’esibizione è stata portata a termine a Portland in Oregon e per essere ripresa è stata usata una gru che è stata messa a disposizione dal Time Based Arts Festival promosso dall’Istituto di Arte Contemporanea di Portland.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here