Addio al campione Filippo Mondelli: scoparso a 26 anni a causa di un sarcoma alla gamba

0
1029
Filippo Mondelli morto

L’Italia sportiva piange oggi la morte di Filippo Mondelli, spentosi a solo 26 anni a causa di un osteosarcoma alla gamba sinistra, a cui era stato operato un anno fa.
Filippo Mondelli ha fatto inorgoglire tutti vincendo i campionati mondiali di canottaggio del 2018 e oggi tutti piangono una dipartita precoce.

Avrebbe compiuto 27 anni tra qualche settimana, ma oggi la federazione di canottaggio in quota Coni annuncia la tristissima notizia della morte di Filippo Mondelli, ucciso da un osteosarcoma alla gamba sinistra, malattia diagnosticata nel 2020 durante un raduno azzurro con il gruppo olimpico per Tokyo 2020.

Carriera e traguardi 

Per chi non fosse appassionato di canottaggio, Filippo Mondelli è nato a Como nel 1994 e ha iniziato l’attività di canottiere nel 2007. Nel 2015 partecipa ai Mondiali Under 23 di canottaggio a 4, vince l’oro e convince il ct della nazionale a convocarlo in quella maggiore.

Ottiene la partecipazione a Rio 2016, ma non medaglie. Successivamente si specializza anche nel doppio con Luca Rambaldi, con cui vince la medaglia d’oro ai Campionati europei del 2017 e la medaglia di bronzo ai Mondiali dello stesso anno.

Sempre con Luca Rambaldi partecipa al quattro di coppia, Andrea Panizza e Giacomo Gentili sono l’altra coppia, e anche lì è un tripudio e un’incetta di vittorie e premi: medaglia d’oro agli Europei di Glasgow e ai Mondiali di Plovdiv.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Luca Rambaldi (@rambo.luca)

Prima della sua scomparsa era stato eletto nel Consiglio nazionale del Coni con 54 preferenze su 109 aventi diritto. Oggi il Coni tutto lo piange: “Con silenzio e rispetto tutta l’Italia del canottaggio, insieme al Presidente del Coni, al Presidente della Federazione, al Consiglio federale, allo Staff Tecnico, a tutti i compagni di nazionale, formula le più sentite condoglianze per la scomparsa del caro Filippo. Rimarrai sempre nei nostri cuori”.
Il Coni, in segno di lutto, ha issato a mezz’asta le bandiere istituzionali, per ricordare un campione dentro e fuori dalla canoa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here