Scandalo csm, giudice picchia la moglie e viene assolto: può continuare a lavorare

0
1392
mario fresa

Un giudice che aveva tirato un pugno alla moglie può continuare a esercitare la sua professione, quindi non perderà il proprio posto. Così, il Consiglio Superiore della Magistratura ha graziato Mario Fresa, sostituto procuratore generale della Cassazione.

L’assoluzione e le critiche

Il verdetto arriva con nove voti favorevoli, otto astenuti e otto contrari. Nonostante il “vistoso ematoma con rigonfiamento dell’arcata sopraccigliare”, il giudice Mario Fresa non è stato sottoposto al trasferimento, ma non solo può continuare a esercitare la sua professione, ma può anche rimanere dove si trova al momento.

LEGGI ANCHE => Luigi Di Maio nomina l’amico Dario De Falco alla Farnesina: la traiettoria del compagno di liceo

LEGGI ANCHE => Vladimir Luxuria contro il politicamente corretto: “Ogni parola va contestualizzata”. E “difende” il black face

Stefano Cavanna della Lega si scaglia contro la decisione presa dal Consiglio Superiore della Magistratura. A questo punto è inutile che noi mandiamo un magistrato nella commissione del Senato che studierà il femminicidio“, ha dichiarato. “Questa vicenda ha avuto grande clamore, è finita sui giornali, appanna l’immagine della magistratura, ma noi facciamo finta di niente”.

Anche Nino Di Matteo commenta il suo disappunto: “Questa storia è stata archiviata sul lato penale ma i pm di Roma non dicono che i fatti non siano avvenuti”.

I fatti e le conseguenze

La moglie del giudice Mario Fresa si era recata presso il commissariato di San Vescovio il 10 marzo 2020, a ridosso del lockdown dello scorso anno, per denunciare i maltrattamenti subiti da parte del marito. Per il grosso ematoma che la donna presentava sul viso, la prognosi è stata di sette giorni.

Ma l’accusa cade perché non sussistono i presupposti per la denuncia, cioè l’abitualità del gesto. Mario Fresa si è scolpato dicendo che si è trattato solo di una scenata di gelosia. Non ce lo si sarebbe aspettati dal pm che ha difeso Laura Boldrini.

O forse sì. Di Matteo ha fatto notare che la procura generale è in qualche modo un organo intoccabile. “La procura generale è un organo importantissimo e fra l’altro esercita l’azione disciplinare, ma la reputazione dell’ufficio è stata macchiata e per questo dobbiamo mandare un segnale, spostando Fresa”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here