Aida Yespica si commuove in diretta raccontando il suo dramma: “Quando avevo 7 anni…”

0
222
Aida Yespica

La bellissima Aida Yespica, ospite a ‘Storie Italiane, si commuove davanti la conduttrice Eleonora Daniele, rivivendo un particolare momento del passato che l’ha decisamente segnata e che la condiziona anche nel presente, fino a rovinarle la sua vita sentimentale: uno stupro, quando aveva ancora 7 anni, da parte di un amico di famiglia.

Aida Yespica, la sua storia a Storie Italiane

Un programma che è stato spesso cassa di risonanze per storie del genere: ‘Storie Italiane’ anche questa volta ha dato la possibilità ad una donna di raccontarsi e di raccontare i momenti difficile attraversati per cercare conforto nella comprensione degli altri.

Lo sa pure la protagonista della vicenda, Aida Yespica, che ha accettato l’invito della conduttrice: “Parlarne può aiutare anche le altre persone perché bisogna denunciare“, spiega Eleonora Daniele.

Così inizia il lungo e toccante racconto di Aida Yespica, intervallato da lacrime, circa la violenza subita da bambina: “Avevo rimosso e nel 2016 mi sono arrivati tutti i ricordi ascoltando una donna che aveva subito delle violenze. Non c’è una medicina e non c’è giustizia. Non ho saputo più nulla di questa persona perché sono arrivata in Italia e a 17 anni… Era una persona che frequentava la mia casa, un amico di mio padre. Sono passati 32 anni e vado avanti per mio figlio“.

Aida-Yespica figlio

Per chi non fosse avvezzo di psicologia e, ascoltando il racconto, possa sentirsi spaesato, Il meccanismo di rimozione è un meccanismo di difesa dell’io abbastanza frequente, eppure è una mancanza molto rumorosa. Un ricordo rimosso infatti condiziona la quotidianità e la nostra fisicità in maniera apparentemente irrazionale.

Ma a ogni azione, anche fisica c’è un perché: “Non riesco ad avere un rapporto come si deve. Non è facile, la mia vita è stata strappata, mi dispiace per le persone che ho amato. Una cicatrice che mai si chiuderà», le parole di Aida Yespica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here