La storia dell’imprenditore scomparso per 9 mesi: “Cercavo un tesoro…”

0
158
tesoro

Scomparso a Gennaio 2021 in Albania, l’imprenditore italiano Davide Pecorelli è stato ritrovato poco tempo fa a bordo di un gommone nei pressi di Livorno. Con lui un piccone, una pala e la missione di trovare il tesoro dell’isola di Montecristo. Una storia dai contorni fumosi, come l’auto carbonizzata dell’imprenditore che è stata trovata in Albania, che pubblico e pubblico magistrato sono curiosi di capire.

L’Indiana Jones italiano

9 mesi fa in Albania è stata trovata carbonizzata l’auto di Davide Pecorelli, con a bordo resti umani ugualmente carbonizzati. A non essere più ritrovato fu Davide stesso.

Da quel giorno iniziarono le ricerche per scoprire cosa fosse successo all’imprenditore italiano, guidate dagli inquirenti della magistratura di Perugia, che ebbero una svolta quando lo trovarono naufragare a largo delle coste di Livorno. “Cercavo il tesoro dell’isola di Montecristo”, ha raccontato al magistrato, per poi sbottonarsi maggiormente durante il programma ‘La vita in diretta’, che ha trasmesso una sua intervista durante la puntata di ieri.

I generi che si mischiano: tra avventura e romanzo giallo 

Sembra una storia di avventura, con degli elementi di mistero la storia dell’imprenditore che cerca un tesoro, elementi così misteriosi che gettano ombra su tutta la storia.

Scomparso a Puke, in Albania, la compagna aveva dichiarato esposto alla procura. L’imprenditore non si trovò, in compenso si trovò una situazione economica non proprio rosea, che fece scattare un campanello d’allarme.

Tutti l’hanno considerato morto, non era una caccia all’uomo, ma il ritrovamento di un cadavere, finché non è stato intercettato a bordo di un gommone, affittato nell’isola del Giglio con documenti falsi. Le indagini hanno riferito che l’uomo potrebbe avere raggiunto la Toscana viaggiando a bordo di un autobus di pellegrini, dopo avere trascorso un periodo di tempo in una comunità vicina a Medjugorje.

“Cercavo un tesoro”, questa la narrazione che l’imprenditore fa della sua vicenda personale. Adesso tocca agli inquirenti cercare la verità.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here