È morto Ermanno Pieroni, storico presidente dell’Ancona: chi è stato?

0
160

Si è spento all’età di 76 anni Ermanno Pieroni, ex dirigente sportivo nonché presidente storico dell’Ancona Calcio.

Quella di oggi è una giornata nefasta per il mondo del calcio italiano: questa mattina è morto Giampiero Galeazzi, storico e iconico giornalista sportivo con un passato di successo nel canottaggio che da tempo era malato. Ma oggi è anche il giorno della scomparsa di un grande protagonista del mondo del calcio degli anni ’80 e ’90, Ermanno Pieroni.

I più grandi lo ricorderanno quando ha cominciato a far parte del campionato nel ruolo di direttore di gara, mentre tutti gli altri si ricorderanno l’impegno profuso nel ruolo di direttore sportivo dopo la conclusione della sua carriera arbitrale. Nella sua lunga carriera Pieroni è stato dirigente dell’Arezzo e dell’Ancona, società in cui ha ricoperto anche il ruolo di presidente per un biennio.

Leggi anche ->“Se ne va un pezzo della mia vita”: il dolore della Venier per la morte di Galeazzi

Ermanno Pieroni: le stagioni da brivido all’Ancona e all’Arezzo

Per anni uomo di fiducia della famiglia Gaucci a Perugia, Ermanno Pieroni era un grande conoscitore ed intenditore di calcio. Il suo talento era unico nel capire quale allenatore avesse le potenzialità per fare rendere al meglio un gruppo di calciatori. Durante la parentesi ad Arezzo, ad esempio, ha portato allenatori del calibro di Giustinetti, Sarri e Conte. Al primo anno la squadra ha persino sfiorato la promozione in Serie A e dopo il suo addio è retrocessa in Serie C1.

Grandi risultati anche ad Ancona, nel biennio in cui ha ricoperto il ruolo di presidente (2003-2004), la squadra ha ottenuto la sua seconda storica promozione nella massima serie. Da qualche anno si era ritirato dal mondo del calcio per stare accanto alla famiglia. Pare che la motivazione del distacco da quel mondo che tanto amava fosse una brutta malattia contro la quale ha lottato in silenzio e che ne ha causato il decesso in questo venerdì 12 novembre.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here