Dormite male? Ecco quali sono i danni al cervello secondo uno studio

0
576

Al giorno d’oggi è raro trovare una persone che dica di aver dormito bene e riposato almeno otto ore: questo a causa dell’ingente stress quotidiano che siamo costretti a subire per le più svariate cause e alle tante preoccupazioni cui – in media – dobbiamo far fronte. In più occorre anche aggiungerci lo stress da pandemia Covid e abbiamo la combo perfetta per spiegare il cattivo sonno.

Leggi anche -> Qual è l’orario migliore per andare a dormire? Un nuovo studio ce lo dice e ci spiega il perché

A condurre una ricerca legata ai danni al cervello causati dal cattivo sonno, però, non sono stati neurologi o psicologi, bensì alcuni esperti della ditta di materassi di lusso ‘Tempur‘ che in questi ultimi tempi hanno condotto una ricerca sulla correlazione tra mancanza di sonno e memoria.

Nel condurre questa ricerca gli esperti hanno scoperto che circa il 54% delle persone intervistate, quindi quasi la metà, pensa che la mancanza di sonno possa portare a un peggioramento della memoria. E questo a confermarlo ci pensa la scienza.

Per questa ragione è stata la ‘Tempur’ a condurre le ricerche, data la lunga storia alle spalle nel garantire e offrire un ottimo riposo notturno, ben conoscendo le conseguenze dannose che un cattivo sonno può portare sul nostro cervello e nel nostro corpo.

Non dormire abbastanza impedisce la solidificazione dei ricordi: lo studio

‘Tempur’ ha rilasciato un’intervista al tabloid ‘Mirror’ dove ha spiegato – attraverso un proprio rappresentante – che “un risultato del non dormire bene è la diminuzione della capacità di concentrazione e di apprendimento“. Il cervello infatti fa maggior fatica ad apprendere e ad assorbire nuove informazioni.

C’è anche da dire che una buona notte di sonno “aiuta a creare e a conservare i ricordi, in base alla loro importanza. Questo per il fatto che il cervello riproduce eventi recenti solamente quando si dorme“.

Perché avviene questo? Perché il cervello quando dormiamo sposta la sua memoria in una zona di archiviazione, in questo modo al nostro risveglio le attività della nostra memoria sono più precise e rapide nella loro esecuzione.

La ‘Tempur’ ha poi spiegato che il nostro cervello ha oltre 100 miliardi di neuroni, che sono collegati fra loro da migliaia di connessioni e queste sono in costante sviluppo: “Quindi se non dormi abbastanza, non permetti al tuo cervello di rafforzare determinate connessioni, che a loro volta non permettono la solidificazione dei ricordi“.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here