Il luogo di nascita della Regina Elisabetta II non esiste più: ecco cosa è diventato

0
270

Strano, ma vero. La casa in cui è nata la Regina Elisabetta II è ora sede di un famoso ristorante cinese, simbolo di un imperialismo che lascia spazio alla globalizzazione. La sovrana è nata in una residenza al 17 di Bruton Street a Mayfair, nel centro di Londra, il 21 aprile 1926. I suoi genitori si erano trasferiti nella proprietà, che apparteneva ai suoi nonni materni, poche settimane prima della nascita della regina.

Essendo la primogenita del figlio minore del re, all’epoca non ci si aspettava diventasse Regina. Tuttavia, entrò a pieno titolo nella linea di successione al trono quando suo padre, a sua volta, divenne re Giorgio VI dopo l’abdicazione di suo fratello, re Edoardo VIII. All’epoca Edoardo abdicò per amore: si era legato, infatti, a Wallis Simpson, ma, a causa della sua origine non aristocratica, era americana, e del suo burrascoso passato matrimoniale – un divorzio alle spalle e un altro in arrivo -, la relazione fu fortemente osteggiata dalla casa reale britannica.

Inoltre, come monarca britannico Edoardo era il capo nominale della Chiesa anglicana, la quale non permetteva alle persone divorziate di risposarsi se i loro ex coniugi erano ancora vivi. Non restava quindi che rinunciare alla Corona per poter sposare Wallis. Insomma, erano sicuramente altri tempi, non sicuramente facili, come lo sono stati alla fine per Harry e Meghan, anche lei con un divorzio alle spalle con il produttore cinematografico Trevor Engelson.

La seconda vita di Bruton Street 17

La casa originale dove nacque la Regina non esiste più, poiché fu pesantemente danneggiata in uno dei tanti Blitz durante la seconda guerra mondiale. Tuttavia, allo stesso l’indirizzo è possibile trovare ora Hakkasan, un ristorante cinese che ha aperto i battenti nel novembre del 2010.

La tenuta attualmente appartiene alla famiglia reale di Abu Dhabi e fa parte di un portafoglio di proprietà nella capitale che si ritiene valga 5 miliardi di sterline, secondo quanto riportato dalla BBC News. Una targa sul muro del premiato ristorante recita: “Su questo sito sorgeva la residenza del Conte di Strathmore e Kinghorne dove Elizabeth Alexandra Mary Windsor, in seguito divenuta Sua Maestà la Regina Elisabetta II, nacque il 21 aprile 1926”.

Un’altra targa dice: “Questa targa è stata dedicata nell’anno del Giubileo d’Argento del suo regno, a Sua Maestà la Regina che qui nacque il 21 aprile 1926”. Come riportato dal Mirror, Hakkasan si descrive come “una delle principali destinazioni per la moderna cucina cantonese a Londra”, un ristorante assolutamente stellato e di classe in cui provare una vera esperienza culinaria cinese. Nello stesso isolato di Hakkasan si trovano anche alcuni uffici, il cui ingresso si crede sia vicino al luogo dove è nata la regina.

Nel 2015, il ristorante cinese è stato tuttavia criticato per aver mancato di rispetto a Sua Maestà dopo aver posizionato un’area per fumatori proprio sotto le targhe che commemorano la sua nascita e il Giubileo d’argento. Il consigliere Martin Greig all’epoca affermò di essersi particolarmente indignato alla vista dell’area nella stessa settimana in cui si sono svolte le celebrazioni per festeggiare la regina come monarca più longeva nella storia del Regno Unito; record appartenuto prima alla trisavola la Regina Vittoria.

“Mi è dispiaciuto molto vedere la gente fumare sotto le targhe. È stato irrispettoso” – ha commentato il consigliere – “Era un posto poco adatto per mettere un’area fumatori. È un luogo molto significativo e dovrebbe essere trattato con più dignità“.

Hakkasan ha quindi spostato l’area fumatori e ha rilasciato una dichiarazione a The Mirror in cui sottolineava come: “Hakkasan si impegna a garantire che tutti i suoi ospiti siano soddisfatti, mantenendo costantemente elevati i suoi livelli di servizio e ospitalità e accoglie con favore tutti i feedback. L’area fumatori di Hakkasan Mayfair è stata spostata dalla targa all’altro lato dell’ingresso principale”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here