La Regina Elisabetta affronta un altro lutto: l’ultimo atto di un “annus horribilis”

0
717

Il 2021 non è finito nel migliore dei modi per la Regina Elisabetta, infatti è venuta a mancare, all’età di 90 anni, un’altra delle sue più vicine amiche e fedeli confidenti, ovvero Lady Diana Farnham.

Leggi anche -> Altro lutto per la Regina Elisabetta: il dolore per una grande perdita

Lady Farnham era una delle Dame da Compagnia di Sua Maestà e ricopriva il ruolo di Lady of the Bedchamber fin dal 1987. Lady Diana Farnham ha supportato la Regina per decenni, in particolar modo durante il Giubileo di Diamante, che si è tenuto l’anno scorso, quando affiancò la sovrana al posto del Principe Filippo, assente per problemi di salute.

Secondo quanto riportato da una fonte al ‘Telegraph’ la scomparsa di Lady Farnham è molto triste per la Regina: “Tutti amavano Lady Farnham, era sempre così di buon umore. Era anche una donna molto affascinante e attraente”.

La scomparsa di Diana Farnham si unisce a una serie di lutti che hanno toccato la Regina negli ultimi mesi: prima il marito Filippo, poi la Duchessa di Grafton e ora anche Lady Farnham, venuta a mancare il 29 dicembre, quattro giorni dopo Natale.

2021 annus horribilis per Sua Maestà: ecco quali sono le sfide per il 2022

Per la Regina Elisabetta il 2021 è stato davvero un ‘annus horribilis’, come molti lo hanno definito. Infatti nel 2021 la sovrana ha dovuto affrontare le problematiche relative al nipote Harry, ma anche tutto quello che è stato generato circa le pesanti accuse di violenza sessuale che pendono sul capo del Principe Andrea, oltre ovviamente alla morte del marito.

Quest’anno sarà ancora più complesso per la Regina in quanto dovrà affrontare anche quanto emergerà dalla pubblicazione del libro autobiografico del nipote Harry, già annunciato lo scorso anno e che probabilmente uscirà verso la metà del 2022.

Inoltre deve anche affrontare le continue sfide legate alla pandemia globale da Covid-19, problema non da poco. Insomma, per la Regina Elisabetta si prospetta un altro anno davvero molto intenso.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here