Cristiano Ronaldo, aggressione giovane tifoso autistico – la mamma è una furia: “Non vuole vederlo”

0
245

La madre del giovane tifoso dell’Everton colpito da Cristiano Ronaldo non vuole saperne di accettare le scuse del calciatore.

Le reazioni isteriche di Cristiano Ronaldo sono ormai note a tutti gli appassionati di calcio. Il calciatore portoghese è un continuo di sfoghi di rabbia e reprimende nei confronti dei compagni di squadra, diserta le premiazioni in cui non viene eletto come il migliore e le contesta sui social, lascia lo stadio e la squadra quando viene sostituito mancando di rispetto ai tifosi e ai compagni di team e all’autorità dell’allenatore.

Insomma CR7 è una prima donna, di quelle permalose. Ciò nonostante mai prima di adesso aveva sfogato la sua frustrazione e la sua rabbia per un risultato non conforme alle aspettative su qualcuno al di fuori del campo di gioco. Dopo l’ultima sconfitta dello United, squadra che non solo non ha aiutato a crescere ma che probabilmente ha contribuito ad affossare, il lusitano era una furia, teneva la testa bassa e la scuoteva mentre usciva dal campo.

Era evidente che fosse infuriato per il risultato e per una stagione ben al di sotto delle sue aspettative. Se la Champions è infatti ormai una chimera da quattro anni, almeno in campionato Ronaldo aveva sempre detto la sua. Quest’anno, invece, non è riuscito ad essere incisivo e il Manchester rischia di non qualificarsi alla prossima Champions. Con la sconfitta dell’ultimo turno è addirittura fuori dall’Europa, uno smacco che uno come lui non può certo accettare e che porterà quasi sicuramente ad un tentativo di cambiare nuovamente casacca a fine stagione.

Probabilmente nella sua testa giravano tutti questi pensieri, c’era la frustrazione per l’evidenza che a 37 anni non è forse poi così decisivo come crede di essere. Che il passare del tempo lo colpisca nel profondo lo si è capito anche durante la conferenza stampa prima della gara con la Macedonia del Nord, quando si è infuriato alla domanda del giornalista sul mondiale: deciderà lui quando sarà il suo ultimo mondiale. Il fatto è che se le prestazioni calano, la decisione non spetterà più di tanto a lui, ma al selezionatore della nazionale lusitana.

Cristiano Ronaldo, la madre del ragazzo colpito non accetta le scuse

Qualunque sia stata la ragione di quella reazione di rabbia, non è giustificabile che un professionista del suo calibro (come nessun altro dovrebbe permettersi) abbia colpito con violenza la mano di uno spettatore, facendogli cadere e rompendo il suo telefono. Il video della reazione è diventato presto virale ed il Manchester è corso subito ai ripari, spingendo anche il calciatore a presentare le proprie scuse pubblicamente. La società ha avviato i contati con l’Everton per raggiungere la famiglia, scusarsi direttamente e offrire loro un pass per l’Old Trafford, il calciatore si è detto dispiaciuto, ha sottolineato che è stato un errore imperdonabile e che vuole rimediare.

Tuttavia la madre del ragazzo si è detta disinteressata all’offerta del Manchester United: “Il Manchester l’ha gestita male ed ha reso le cose peggiori a mio avviso. Per come la vedo io se qualcuno lo avesse aggredito in strada e poi ci avesse offerto la cena noi non saremmo andati. Solo perché lui è Cristiano Ronaldo dovremmo farlo? E’ come se noi dovessimo a lui un favore, ma non è così”.

La donna ha successivamente chiarito che la scelta in questo caso non era sua o di suo marito, ma del figlio. Dunque, qualora il ragazzo avesse accettato le scuse e l’invito lei non si sarebbe opposta: “Abbiamo educatamente declinato l’invito del Manchester perché Jake non vuole andare là e non vuole vedere Ronaldo. E’ stato molto chiaro a riguardo”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here