Lady Diana, spunta solo ora la verità: ecco come chiamava la Regina, il soprannome

0
311

Stando a quanto scritto dall’ex nuora in alcune lettere, apprendiamo che a Sua Maestà veniva attribuito un nomignolo piuttosto curioso. Proviamo a scoprirlo insieme leggendo l’articolo.

Sono ancora scolpite nell’immaginario collettivo le iconiche immagini del matrimonio del secolo tra la figlia del Conte Spencer, Diana, e il Principe Carlo, erede designato al trono d’Inghilterra. Era il 1981, e la cerimonia venne trasmessa in mondo visione, riscuotendo stupore, ammirazione, gioia e curiosità non solo dai sudditi ma anche dal resto degli abitanti di mezzo pianeta.
Il tempo svelò, tuttavia, una favola senza lieto fine. La separazione della coppia reale, la morte di Diana a Parigi nel 1997, le nuove nozze di Carlo con Camilla nel 2005. Si è detto e scritto di tutto in proposito, ma quello che ancora è poco noto riguarda il curioso nomignolo dato da Lady Diana alla suocera.
La prova dell’esistenza di un appellativo attribuito alla Regina Elisabetta, si cela in alcune lettere scritte di proprio pugno dalla Principessa “triste”. Nulla a che vedere con nomignoli romantici, marziali o di natura formale in linea con il rango della Sovrana. Tutt’altro, e forse anche qualcosa che vuole invece esaltare il contrasto con la disinvoltura che Diana riteneva di avere, causa tra l’altro dei motivi per i quali veniva considerata insofferente alle regole di corte.

L’arcano è celato in un biglietto battuto all’asta per 7.200 sterline, proveniente dal lotto di lettere scritte dalla stessa Diana e venduto per la cifra complessiva di 82 mila sterline.

Diana e il soprannome dato alla Regina

Spesso ritenuta ribelle per il rifiuto dell’etichetta o per alcune dichiarazioni non troppo abbottonate, Lady Diana chiamava la Regina in un determinato modo. Il termine, coniato ben prima della fine del suo matrimonio, è stato ritrovato in un pacchetto di lettere scritte dalla giovane Principessa, tra il 1990 e il 1997, all’amico di famiglia Roger Bramble. In conclusione Diana chiamava Sua Maestà “The Boss”.


Il ricavato dovuto alla vendita del carteggio epistolare di Lady D è andato alle organizzazioni sostenute dalla Principessa e da Mr. Bramble, tra cui la Young Musicians Symphony Orchestra e l’English National Ballet.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here