La neve di sangue continua a diffondersi: cos’è e per quale motivo è un pericolo per l’uomo

0
472

La neve di sangue è un fenomeno sempre più frequente e persistente: di cosa si tratta e perché mette in pericolo l’ambiente e l’uomo.

Fino a qualche anno fa il fenomeno conosciuto come “Watermelon Snow” (tradotto alla buona Neve Anguria) o Neve di Sangue era qualcosa che si verificava raramente e solo durante il periodo estivo ad altissima quota. In questi anni non solo la presenza di questo fenomeno è diventata più frequente, ma si è estesa anche al periodo primaverile e tende a durare per mesi.

Neve di SangueDi recente il biologo Eric Marechal ha lanciato un allarme a tutta la comunità scientifica dopo aver trovato la neve di sangue a soli 2.500 metri di altezza. Il fenomeno è sempre più esteso e frequente e questo non è un buon segno per il pianeta e per l’uomo.

Se esteticamente, infatti, la presenza di questa neve rossa crea uno scenario suggestivo e può essere piacevole alla vita, ciò che comporta per lo stato di salute dei ghiacciai e della neve stessa è terrorizzante.

In cosa consiste la Neve di Sangue

Il caratteristico colore rosso viene dato alla neve di sangue dall’alga Chlamydomonas Nivalis. Pur essendo di colore verde, l’alga contiene al suo interno l’astaxantina, un pigmento rosso che si mischia alla clorofilla e che si scioglie nella neve. Più la neve viene compressa e più la pigmentazione viene rilasciata, attirando maggiormente i raggi del sole e causando lo sciogliemnto in tutta l’area in cui si trova.

Negli ultimi anni inoltre l’alga si è evoluta in una nuova forma più resistente e quindi  maggiormente dannosa. Chiamata volgarmente Sanguinina, questa nuova specie di Chlamydomonas assorbe maggiormente il calore e lo utilizza come protezione. Grazie al calore inglobato nascono delle fioriture che si possono estendere sino a 30 metri in ampiezza e a 30 o più centimetri in profondità.

Perché la diffusione della sanguina è pericolosa per l’ambiente e per l’uomo

La proliferazione di quest’alga è legata a doppio filo con il surriscaldamento globale. La sanguina infatti si sviluppa durante i periodi di maggiore calore e l’aumento delle temperature su tutta la superfice della terra le consente di proliferare già a partire dalla primavera e anche in zone che prima erano protette da questo pericolo.

Come già spiegato, la presenza dell’alga porta ad un maggiore surriscaldamento della zona nella quale si trova e dunque ad un più rapido ed esteso sciogliemento della neve e dei ghiacciai. Questo comporta il prosciugamento delle riserve d’acqua della zona e alla morte della flora dell’habitat in cui si trovano.

La desertificazione delle aree e il prosciugamento delle riserve d’acqua comporta chiaramente un danno anche per gli esseri umani, poiché riduce la disponibilità di fonti d’acqua potabile, ma anche delle risorse primarie che fornisce la zona in questione. Infine comporta anche il progressivo e ulteriore surriscaldamento ambientale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here