Violenta per 4 volte una 16enne, condannato a 12 anni: “L’ha manipolata”

0
358
4 violenze sessuali

Un 27enne è stato condannato per 4 reati di stupro, ma avrebbe alle spalle anche altri casi di violenza sui minori. Il caso ha sconvolto l’intera cittadina

Dovrà scontare 12 anni di reclusione per aver violentato una minorenne per ben quattro volte. L’autore del folle gesto nei confronti di una 16enne è un uomo che, come emerso dalle indagini, avrebbe avuto rapporti sessuali anche con una 15enne e che poche ore fa è stato condannato a scontare oltre un decennio in prigione oltre ad essere iscritto a vita nel registro dei molestatori sessuali: Lee Banks, 27enne, ha stuprato la vittima per un totale di quattro volte, due delle quali mentre dormiva, come ricordato prima della sentenza davanti al giudice della Taunton Crown Court, dove è stato dimostrato che si sia comportato come un “manipolatore”. La vittima ha in seguito scoperto di essere incinta, anche il tribunale non ha potuto stabilire se questo fosse attribuibile ai reati di stupro dal momento che in precedenza la 16enne aveva avuto anche rapporti sessuali consensuali con l’imputato. Lee avrebbe stretto amicizia anche con una ragazza di 15 anni e pochi giorni dopo, a soli 11 giorni dal suo 16esimo compleanno, avrebbe avuto rapporti anche con lei.

Leggi anche: Violenta un’adolescente fino a farla svenire, la compagna non interviene: Avevo paura mi uccidesse

Tutte le violenze sono avvenute nella stessa località

Banks, di Ditton Street a Ilminster, è stato condannato a seguito di un processo per quattro capi d’accusa di stupro. Si è inolte dichiarato colpevole di un’ulteriore accusa di attività sessuale con un bambino. Tutti i reati sono avvenuti a Yeovil, cittadina di 45mila abitanti nel Somerset, Regno Unito, nel 2018. In un rapporto di pre sentenza si legge come Banks avesse una propensione a cercare relazioni subito dopo che una si era interrotta, e che le abbia trovate molto rapidamente. Si legge inoltre che sia attratto dalle ragazze più giovani di 20 anni.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here