Covid e povertà, l’immagine simbolo della fila per i pasti: i nuovi indigenti salgono al 45%

0
558
Fila per pasti davanti all'associazione pane quotidiano a Milano. Il video virale
La fila chilometrica per i pasti davanti all'associazione pane quotidiano

Il video, diventato virale, mostra l’enorme fila a Milano davanti ad un’associazione umanitaria per avere un pasto caldo. Uno sguardo alla piaga della nuova povertà post coronavirus

Una fila lunghissima, tutti in attesa per avere un pasto caldo : un ‘ “immagine che entra in testa e nel cuore e poi sta lì, in fissa “, come l’ha definita la donna che ha girato e condiviso quel video toccante diventato virale in linea in pochissimo tempo. Ci sono persone di ogni tipo: uomini e donne di varia età, dai più ai meno giovani , tutti in coda lungo viale Toscana e Castelbarco a Milano per avere una razione alimentare, un’altra delle immagini simbolo di questa pandemia che lasciano un marchio indelebile in tutti noi. Le vittime del covid non sono soltanto sanitarie: c’è una schiera di “invisibili”, di uomini e donne che sono costretti ad affrontare una povertà senza precedenti e che spesso vengono dimenticati dalle stesse istituzioni.

Il cuore grande dell’associazione “Pane quotidiano”

Per fortuna, però, c’è qualcosa che ci può salvare dall’oblio sociale di questa situazione: le reti di solidarietà , e l’ associazione umanitaria “Pane quotidiano” ne è un magnifico esempio. Fondata nel 1989 con “l’obiettivo di assicurare cibo ogni giorno gratuitamente alle fasce più povere della popolazione ea chiunque versi in stato di bisogno e vulnerabilità, senza alcun tipo di distinzione” , pane quotidiano distribuisce gratuitamente pasti caldi a chi ne ha bisogno, arrivando ad aiutare quotidianamente più di 3mila persone. Numeri che fanno paura, e su cui è fondamentale soffermarsi per analizzare più a fondo la piaga della nuova povertà in Italia.

“Fa impressione, quel video effettivamente fa impressione anche a noi” , ha commentato Pier Maria Ferrario, presidente di “Pane quotidiano” . Solo nella giornata di sabato, presso la sede di viale Toscana sono stati distribuiti 1.700 pasti e forse anche di più nella sede di viale Monza ; “È così tutti i giorni” , spiega Ferrario “i nuovi poveri stanno aumentando, c’è qualcosa che proprio non funziona. Abbiamo una grande fortuna noi, decine e decine di aziende ci aiutano con prodotti di primissima qualità. Dopo 120 anni c ‘ è molta fiducia in noi. Abbiamo roba per tutti “ e ha concluso ” L’unico problema è che non abbiamo sovvenzioni pubbliche. Ma per ora reggiamo “

Nuova povertà in Italia: dal 31 al 45%

Quello di Milano è uno solo uno spaccato di una realtà che vive l’Italia intera. Caritas Italia , un organismo pastorale della CEI, ha stilato un “Rapporto povertà” nel quale emerge che quasi una persona su due di quelle che si rivolgono alla Caritas lo fanno per la prima volta, evidenziando l’esponenziale dei nuovi poveri , che secondo i dati del rapporto passano, in Italia, dal 31 al 45% . Fra aprile e giugno, solo le Caritas diocesane (bisogna dunque riflettere sul fatto che ci siano altre associazioni umanitarie come “Pane quotidiano”) hanno assistito circa 450 mila persone. Sono numeri, questi, che fanno tremare le ginocchia, e che danno un’idea della grandezza del fenomeno delle nuove povertà post coronavirus.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here