Un’enorme ciste esce dall’occhio della donna dopo anni di agonia: temeva di diventare cieca

0
950
maxi ciste

Jeane Trend-Hill, 54 anni, ha trascorso tutto il 2020 utilizzando occhiali da sole giganti per nascondere il viso al pubblico a causa della crescita “a forma di chicco di mais” che qualcuno ha scambiato come un sintomo di Covid.

Donna colpita da maxi ciste

Una donna ha rivelato quanto temeva di diventare cieca dopo che una dolorosa ciste all’occhio le aveva reso la vita un inferno. Jeane Trend-Hill, 54 anni, ha trascorso tutto il 2020 usando occhiali da sole giganti per nascondere il suo viso al pubblico a causa della crescita. Le è stata diagnosticata per la prima volta la blefarite comune degli occhi e le è stato detto che sarebbe andata via naturalmente nel gennaio 2019.Ma la protuberanza ha iniziato a crescere e ad attirare “commenti sgradevoli” da sconosciuti che pensavano fosse un sintomo del coronavirus.

La londinese ha dichiarato: “Circa due anni fa, ho sviluppato gli occhi acquosi nonostante non avessi mai avuto problemi prima. Alla fine dello scorso anno, ho notato una piccola protuberanza sulla palpebra destra di circa 1 cm, di un rosso brillante e gommosa al tatto”.

“All’inizio, pensavo che fosse una cosa passeggera e sarebbe andata via. Ma non è stato così. Quindi sono andata dal mio medico di famiglia, che mi ha dato dei colliri, ma non hanno funzionato. “Mi sembrava di piangere costantemente, mangiare era difficile perché ogni volta che guardavo in basso per tagliare il cibo, il mio occhio doleva. Era anche difficile mangiare, leggere, guardare la TV e persino camminare”.

“Sono diventato depressa, il nodulo ora aveva le dimensioni di un grosso pisello, la gente mi fissava e gli estranei facevano commenti sgradevoli”.

“Alcune persone mi hanno chiesto se il nodulo sul mio occhio fosse correlato a Covid, altri hanno detto che era grottesco e che ero brutto o sfigurato”.

Maxi ciste

La cisti ha continuato a crescere, e con una visita all’ospedale oculistico locale ed è stata diagnosticata dopo 10 giorni di dolore “terribile” a giugno (2020).

Jeane ha detto che era come “ficcarmi degli aghi caldi negli occhi” e che temeva di diventare cieca e di dover pulire il liquido ogni ora.
Pensava che il suo calvario fosse finito quando la cisti “delle dimensioni di un chicco di mais” alla fine le è saltata fuori dagli occhi a metà giugno 2020 ed è guarita.

Ma poche settimane dopo, ha notato una seconda cisti di calazio che cresceva rapidamente sulla sua palpebra inferiore che le bloccava il condotto lacrimale.
A causa delle sue altre condizioni, i medici sono stati costretti a inserire un ago nell’occhio, senza anestetico, in un’operazione dolorosa che non è riuscita a rimuoverla.

Jeane ha quindi contattato un oculista privato che ha deciso di eseguire una serie di trattamenti laser che hanno finalmente e definitivamente rimosso la ciste il mese scorso.

Benda su maxi ciste

Ha detto: “La procedura è durata 55 minuti, la cisti era all’interno del condotto lacrimale e molto più grande di quanto pensato originariamente”.

Conteneva zolfo e molti coaguli di sangue, che sono stati rimossi.

“Ho avuto un periodo di recupero di 10-14 giorni e sembrava che avessi fatto diversi round con Mike Tyson, contusa da lacrime sanguinanti.

“Avevo dolore ma niente di troppo insopportabile e ho potuto vedere chiaramente quando ho rimosso le medicazioni, il che è stato meraviglioso”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here