Pandemie, l’OMS avverte: “Altre peggiori all’orizzonte, non bisogna essere miopi”

0
728
Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale OMS

In occasione della prima Giornata internazionale di preparazione alle epidemie il direttore dell’OMS mette in guardia sulle futuri pandemie e sugli atteggiamenti (pericolosi) nei confronti della ricerca

Il coronavirus non sarà l’ultima pandemia a colpire l’umanità: a dichiararlo è il direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, attraverso un video condiviso in occasione della prima Giornata internazionale di preparazione alle epidemie fissata a ieri 27 dicembre. Mentre tutto il mondo è in armi contro il coronavirus e si sono svolti i primi V-Day, l’OMS avverte sull’ipotesi dell’arrivo imminente di nuove epidemie, ma soprattutto sull’atteggiamento errato e superficiale nei confronti della ricerca e della prevenzione.

“No alla miopia verso altre pandemie”

A lanciare un monito a tutta la popolazione e agli investitori mondiali è sempre il direttore generale dell’OMS, che mette in guardia dal reiterare un ciclo “pericolosamente miope” che consiste nel continuare a gettare in modo casuale denaro nella ricerca sulle epidemie per poi dimenticarsene e far andare tutto nel dimenticatoio . A questo si aggiunge l’assoluta necessità di monitorare e programmare interventi per il cambiamento climatico , dato che questa epidemia “ha evidenziato gli intimi legami tra la salute degli esseri umani, degli animali e del pianeta, che possiamo affrontare solo con un approccio unilaterale” , ha dichiarato Ghebreyesus, che ha aggiunto Tutti gli sforzi per migliorare la salute umana sono condannati a meno che non affrontino l’interfaccia critica tra gli esseri umani e gli animali e la minaccia esistenziale del cambiamento climatico che rende la nostra Terra meno abitabile “

Fondamentale, dunque, è la preparazione e la prevenzione in vista dei futuri virus che potrebbero colpire tutta la popolazione mondiale, dato che, avvertono dall’OMS “Il mondo spende miliardi di dollari per prepararsi un attacco terroristico, ma relativamente poco per prepararsi all “attacco di un virus , che potrebbe essere molto più mortale e molto più dannoso dal punto di vista economico, politico e sociale” e questo è “francamente difficile da capire e pericolosamente miope”. 

Altre pandemie zoonotiche all’orizzonte

Il professor Jean-Jacques Muyembe Tamfum , che ha lavorato in prima linea per fronteggiare la piaga dell’Ebola, è concorde nel ritenere che una futura pandemia potrebbe essere “molto più apocalittica del coronavirus” . Sempre Muyembe, in qualità di direttore dell’Institut National de Recherche Biomédicale (INRB) di Kinshasa, avverte che altre malattie zoonotiche – nelle quali i patogeni saltano tra gli animali e l’uomo – sono all’orizzonte: “Ora siamo in un mondo in cui usciranno nuovi agenti patogeni “ , ha detto alla CNN, aggiungendo ” E questo è ciò che costituisce una minaccia per l’umanità “.

Leggi anche => Paura per una nuova misteriosa malattia: 300 contagiati e un morto in India

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here