Scene da film nel tranquillo quartiere residenziale: blindato dell’FBI armato tra le villette

0
245
paura tra i residenti

Fbi e militari sono intervenuti in un quartiere residenziale di New York per arrestare un uomo per presunti legami con i Produ Boys. I residenti increduli: “Scene da film”

Sono immagini che lasciano quasi senza parole quelle che immortalano il passaggio di un blindato dell’FBI lungo una tranquilla via di New York. Le sorprendenti foto, scattate da un residente, mostrano l’istante in cui il mezzo militare ha attraversato la strada residenziale per prendere in custodia un sospetto Proud Boy dopo che questi avrebbe minacciato di inviare una carovana armata nel Campidoglio. L’autore degli scatti è rimasto sbalordito da una scena alla quale mai avrebbe pensato di assistere dall’uscio di casa sua: si può vedere un agente delle forze dell’ordine emergede dal portellone superiore del veicolo blindato dietro a quella che sembra essere un’arma d’assalto, in un tranquillo martedì pomeriggio a Middle Village, quando l’FBI si è qui presentato per arrestare Eduard Florea.

“Ci hanno detto di entrare e chiudere la porta”

“Pensavo che avrei assistito a queste cose solo nei film o al limite nei notiziari, non certo nella vita reale” ha raccontato un vicino di casa, che visto un plotone di agenti federali raggiungere la casa di Florea sulla 76th Street vicino a Elliot Avenue. “Ho sentito un mucchio di bauli sbattere. Ho guardato fuori e ho visto sei ragazzi dell’esercito e dell’FBI con mitragliatrici e in mimetica correre nel vialetto del mio vicino. C’era un carro armato parcheggiato davanti a casa mia!”, ha detto la donna. Un altro scatto mostra Florea, 40 anni, uscire dall’appartamento con le mani in alto. Due minuti dopo, sua moglie e due bambini terrorizzati sono usciti di casa, hanno confermato testimoni oculari.

LEGGI ANCHE =>> Trump, la Camera approva l’impeachment (il secondo): cosa succede ora

Un’altra vicina, Wanda Gradkowski, 64 anni, la cui casa condivide un muro con quella di Florea, ha descritto la scena scioccante. “È uscito con le mani alzate”, ha raccontato Gradkowski. “Non c’erano urla, né chiacchiere ad alta voce, solo una voce che mi diceva: ‘Entra e chiudi la porta!. Una frase questa ripetuta più volte perchè i vicini uscivano chiedendo cosa stesse succedendo”. Poi ha descritto la famiglia di Florea come tranquilla, sottolineando che non avesse mai riscontrato segnali del fatto che potesse appartenere ai Proud Boys. ABC News ha riferito che le autorità stanno sondando la sua connessione con il gruppo di estrema destra. È in attesa di un’apparizione al tribunale federale di Brooklyn con l’accusa di possesso di munizioni. Secondo l’ufficio del procuratore distrettuale della contea di Richmond l’uomo è già stato arrestato nel 2014 per possesso di armi e condannato ad un anno di carcere.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here