Non avvertono la puzza di bruciato perchè hanno il Covid-19. Famiglia salvata dall’unica figlia non contagiata

0
602
bianca rivera incendio coronavirus
L’anosmia, ovvero uno dei sintomi principali del coronavirus, può scatenare situazioni estremamente pericolose non direttamente collegate alla patologia.
E’ quanto accaduto ad una famiglia americana, salvata dall’unico membro non contagiato dal Covid-19 e pertanto con l’olfatto perfettamente funzionante. Nelle prime ore di venerdì 15 gennaio, infatti, l’abitazione di questo nucleo familiare – che risiede a Waco, nel Texas (USA) – è stata interessata da un incendio.
L’unica che si è accorta di ciò che stava accadendo è Bianca Rivera, 17 anni, che è riuscita ad avvertire l’odore del fumo perchè l’unica a non aver contratto il coronavirus.
La 17enne ha subito allertato gli altri tre membri della sua famiglia. Alla fine, tutti e quattro sono riusciti a fuggire in sicurezza. “In realtà non mi considero un’eroina – ha detto Bianca – Volevo solo che tutti gli altri riuscissero a salvarsi, tutto ciò che volevo era mantenere tutti in vita”.

La 17enne è riuscita a salvare anche i quattro cani

L’eroica adolescente ha detto di aver sentito puzza di bruciato intorno alle 2 del mattino. “Ho iniziato a sentire odore di plastica bruciata – racconta la ragazza al Daily Star Online – Sono corsa fuori dalla mia stanza e non sono riuscita nemmeno a passare il corridoio perché era strapieno di fumo”.
“Ho svegliato tutti, ho aperto la porta sul retro e ho fatto uscire tutti, uno per uno”. Oltre alla sua famiglia, Bianca è riuscita a salvare anche i quattro cani.
Tutti i membri della famiglia sono ora affidati alle cure della Croce Rossa, in attesa di trovare un nuovo posto dove vivere.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here