“Uccisi per aver difeso i sacerdoti e l’Arca dell’Alleanza” centinaia di cristiani mentre il conflitto in Etiopia avanza

0
69
arca dell'alleanza

Sono in centinaia i cristiani che stanno difendendo una chiesa etiope che si ritiene possa ospitare la sacra Arca dell’Alleanza, cioè quella che secondo la Bibbia era una cassa di legno d’acacia con un coperchio d’oro, utilizzata per custodire le Tavole della Legge date da Dio a Mosè sul Monte Sinai.

Si stima che sino ad ora siano circa 800 le persone morte durante il conflitto, mentre i soldati etiopi ed eritrei hanno combattuto le forze ribelli del Tigray a novembre, ma la vera portata della devastazione è appena venuta alla luce.

Inquietanti filmati mostrerebbero la distruzione del monastero di Debre Abay, a sud-ovest di Axum, con alcuni soldati etiopi che commettono crimini di guerra. Circondato da pozze di sangue e dozzine di corpi, il video mostra le truppe che camminano tra i cadaveri mentre ridono e scherzano.

La sanguinosa disputa dell’Etiopia è nata quando il primo ministro Abiy Ahmed è salito al potere quasi tre anni fa. Gli attacchi negli ultimi mesi di combattimenti tra le forze di Ahmed e i sostenitori ribelli dell’ex governo regionale del Tigrai hanno portato a migliaia di morti e lasciato milioni di persone a rischio di carestia.

“Uccisi per aver difeso i sacerdoti e l’arca”: le dichiarazioni del docente universitario

Il docente universitario Getu Mak, 32 anni, ha detto al Times che i fedeli, armati solo di “ciottoli e bastoni”, sono stati “uccisi” mentre proteggevano “i sacerdoti e l’arca” nella chiesa di Santa Maria di Sion nella città di Axum.

Getu Mak ha detto al Times: “Quando le persone hanno sentito gli spari, sono corsi in chiesa per dare sostegno ai sacerdoti e ad altri che proteggevano l’arca. Certamente alcuni di loro sono stati uccisi per averlo fatto.”

Getu ha aggiunto che molti temevano che l’arca sarebbe stata spostata nella capitale etiope Addis Abeba o sarebbe svanita completamente. Si pensa che i soldati eritrei non abbiano mostrato “pietà” mentre davano la caccia ai sostenitori del Fronte di Liberazione del Popolo del Tigrai (TPLF) ribelle, compresi giovani e anziani, il giorno dopo il massacro della chiesa.

Il leader del paese Ahmed ha affermato di aver sconfitto il TPLF a novembre dopo aver catturato la capitale della regione Mekele. Le accuse sul coinvolgimento dell’Eritrea furono inizialmente negate, ma il governo in seguito ammise che “stupri, saccheggi, insensibili e uccisioni di massa intenzionali” potevano verificarsi in combattimenti in cui “molti sono armati illegalmente”.

Ha anche affermato che i ribelli avevano lasciato la regione “vulnerabile”.

Secondo le Nazioni Unite, circa l’80% dei sei milioni di persone che vivono nel Tigrai non ha accesso ad aiuto o sostegno.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here