Napoli, insegnante 62enne muore dopo l’AstraZeneca: aperta un’inchiesta sull’ipotetica correlazione

0
1399
annamaria mantile

Aveva 62 anni Annamaria Mantile, un’insegnante di Napoli che è morta dopo aver effettuato il vaccino contro il covid della casa farmacologica AstraZeneca.
Va subito specificato che non è ancora chiaro se sussista o meno una correlazione tra i due eventi.
Sulla vicenda stanno indagando i carabinieri della compagnia del Vomero, ma solo l’autopsia sul corpo potrà offrire delle prove definitive.

Vaccino e morte: sono correlati? Facciamo chiarezza

Dopo aver accusato alcuni sintomi strani, come spossatezza e nausea, nella giornata di 27 febbraio la donna aveva contattato immediatamente il medico di famiglia, che le aveva prescritto un trattamento con una flebo per reidratarsi.

La situazione tuttavia è peggiorata, e Annamaria Mantile è purtroppo deceduta.
Il quadro si è aggravato nel giro di pochissimo, con sintomi come difficoltà respiratorie gravi alle quali è susseguito l’arresto cardiaco.
I familiari hanno contattato in seguito i carabinieri, esigendo l’apertura di un’inchiesta sul decesso della donna: i militari hanno proceduto a prelevare la salma per sottoporla all’autopsia forense.

La preoccupazione dei colleghi

La donna faceva la docente di inglese presso la scuola media Cesare Pavese nella zona collinare di Napoli.
A seguito della vicenda, tutti i colleghi della zona campana limitrofa dove erano state somministrati gli stessi vaccini si sono allarmati.

Per il momento l’Asl 1 locale, non avendo riscontri della correlazione sul decesso, non ha voluto rilasciare dichiarazioni.

In ogni caso, i competitor Moderna e Pfizer sono già stati sottoposti ai controlli nei mesi di gennaio e febbraio.
Il rapporto mensile di AIFA riporta: “Le analisi condotte sui dati fin qui acquisiti confermano quindi un buon profilo di sicurezza di questi due vaccini a mRNA. L’ampio numero di segnalazioni non implica che siano emerse criticità inattese, ma è indice dell’elevata capacità del sistema di farmacovigilanza nel monitorare la sicurezza.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here