Luca Ward si confessa a Verissimo: “Mia figlia ha una malattia rara. Mi sentivo responsabile”

0
1033
luca ward verissimo

Luca Ward, ai microfoni di Verissimo con Silvia Toffanin, ha parlato e si è confessato della rara patologia di cui è affetta Luna, la sua terza figlia, nata dalla relazione con l’attrice Giada Desideri. La piccola soffre di sindrome di Marfan, una malattia poco conosciuta, che intacca il tessuto connettivo, gli occhi e gli organi.

La malattia della figlia Luna

Quando Luca Ward ha scoperto che sua figlia era affetta da questa rara malattia, si è sentito mancare, racconta a Silvia Toffanin: “Per me è stata una mazzata. All’inizio mi sono sentito responsabile, ti senti responsabile quando un bambino nasce con una grave patologia”.

“Pensavo fossimo noi portatori di questa malattia” ha confessato il doppiatore, che ha aggiunto “Però da tutte le ricerche che abbiamo fatto, non ce n’è traccia: è stato, come ha detto il medico di Luna, “sfiga”un gene che si modifica al momento del concepimento.

La sindrome di Marfan, infatti, è causata dall’alterazione di un gene che codifica per la proteina detta fibrillina. Si tratta della proteina che permette al tessuto connettivo di rimanere forte.

La moglie Giada Desideri ha smesso di lavorare

La moglie Giada Desideri aveva addirittura smesso di lavorare, per stare vicino alla piccola. Scelta che non convinceva molto Luca Ward: “Io non volevo e le ho detto: “No, sei una donna bellissima, un’attrice meravigliosa, reciti in cinque lingue: perché?”. Lei ha risposto:  “Perché si fa così altrimenti non ne usciamo, i nostri figli devono avere almeno il controllo di uno dei due. Vai tu a lavorare, ci penso io. Una scelta che non so se io avrei il coraggio di fare…”.

Ma a oggi la situazione sembra essere migliorata, anche se la malattia è grave e ad oggi non esiste alcun tipo di cura. Tuttavia, la bambina è serena e ben curata, forse questo è quello che conta di più. Come ci tiene a far sapere Luca Ward: “Luna oggi è seguita bene, con le scelte giuste e l’affetto”.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here