Addio a Enzo Spaltro, il docente che portò la psicologia in TV. Il ricordo di Emilio Fede

0
490
enzo spaltro

Si è spento a 91 anni Enzo Spaltro, docente dell’Università di Bologna per 30 anni e due volte presidente della Società Italiana Psicologia. 

Oltre che per la brillantissima carriera, che ha avuto enorme risalto internazionale, Spaltro è ricordato soprattutto per essere stato tra i primi a sviluppare le idee relative alla psicologia del lavoro. Fu lui, inoltre, ad introdurre i test psicologici in Rai.

Nato nel 1929, Spaltro fondava già nel 1968 la rivista “Psicologia e Lavoro” con il Saggiatore diretto da Alberto Mondadori. Qualche anno prima, nel 1964, aveva fondato l’Anipla (Associazione Nazionale Italiana Per L’Automazione) assieme a Guido Rossi e Giuseppe Glisenti. Nel 1965 fondò invece l’AISRI (Associazione Italiana di Studi in Relazioni Industriali) assieme a Giancarlo Mazzocchi, Gino Giugni e lo stesso Glisenti, presso la Cattolica di Milano.

Grazie al suo impegno illuminante, nel 1967 venne istituita in Italia la prima cattedra di Psicologia del lavoro presso la Facoltà di Economia e Commercio della Cattolica di Milano.

Lo sbarco in TV grazie a Fede, che lo ricorda: “Facemmo la storia”

Negli anni ’80, Enzo Spaltro divenne noto anche in TV, grazie alle trasmissioni televisive a contenuto psicologico sulla Rai. Grazie a questo importante servizio, Spaltro ha contribuito a far conoscere la disciplina alle persone anche in termini di potenzialità.

LEGGI ANCHE => Emilio Fede positivo al coronavirus. L’ex direttore del Tg4 ricoverato in una struttura napoletana

Raggiunto dai colleghi dell’Adnkronos, anche Emilio Fede ha voluto esprimere tutto il suo cordoglio per la scomparsa di Enzo Spaltro. Fu proprio Fede a far esordire in tv il celebre psicologo.

“Mi dispiace moltissimo che Enzo Spaltro non ci sia più – le parole di Fede riportate anche da Caffeina Magazine – Con lui, facemmo la storia, perché lui fu davvero il primo psicologo a partecipare ad uno spettacolo televisivo”.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here