Un pianeta alieno “nascosto” al centro della Terra. Uno studio avvalora la teoria dell’impatto gigante

0
512
pianeta impatto gigante terra luna

Un pianeta alieno “nascosto al centro della Terra”. 

E’ quanto afferma uno studio condotto da alcuni scienziati, che affermano che un pianeta di nome Theia sia entrato in collisione con la Terra e nell’impatto abbia lasciato alcune sue “parti” all’interno del nostro mondo.

Addirittura, l’opinione di alcuni scienziati è che lo stesso impatto nello spazio abbia formato la Luna. Gli esperti stanno cercando di studiare le tracce specifiche dello scontro, che rimangono sepolte nelle profondità della crosta terrestre, come riporta anche il Daily Star.

LEGGI ANCHE => Gliese 486 b, la Super Terra che potrebbe diventare la “Stele di Rosetta” sulla vita aliena

Qian Yuan, un esperto di geologia presso l’Arizona State University, negli Stati Uniti, ritiene che i misteriosi punti densi all’interno del nostro pianeta siano proprio dei “pezzi specifici” di Theia, rimasti ancora intatti all’interno della Terra.

La tesi è nota come “ipotesi dell’impatto gigante”

In un documento presentato alla Lunar and Planetary Science Conference, Yuan e il suo team spiegano che il mantello di Theia potrebbe essere intrinsecamente molto più denso del mantello terrestre: “Questo consentirebbe ai materiali del mantello di Theia di affondare nel mantello più basso della Terra e accumularsi in pile termochimiche che possono causare l’osservazione sismica (aree dense)”.

Gli scienziati hanno identificato parti specifiche dell’interno della Terra dove potrebbero ancora trovarsi dei pezzi di Theia. Questa teoria secondo cui Theia si sarebbe scontrata con la Terra è nota come “ipotesi dell’impatto gigante”.

LEGGI ANCHE => Marte, ‘Perseverance’ è atterrato con successo: le prime immagini del Pianeta Rosso

Theia sarebbe entrata in collisione con la Terra primordiale circa 4,5 miliardi di anni fa. Gli scienziati che sostengono questa teoria sottolineano come il nucleo del nostro pianeta sia troppo più grande di quanto ci si aspetterebbe per un corpo delle sue dimensioni. Il tutto sarebbe dovuto ai materiali densi di Theia, rimasti intatti per miliardi di anni.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here