Parlamentare canadese completamente nudo durante una call su zoom: la gaffe di William Amos

0
295
william amos screenshot

Ha dell’incredibile quello che è successo in Canada, dove un parlamentare canadese, William Amos, si è presentato a un incontro online sulla piattaforma Zoom completamente nudo. Ormai dovremo essere abituati a ogni sorta di stranezza, ma soprattutto da quando le riunioni hanno cominciato a tenersi sempre più tramite piattaforme virtuali, non c’è nessun limite. Abbiamo avuto modo di assistere a bestemmie pronunciate in mezzo a Consigli Comunali, abbiamo visto anche di peggio, ma quello che ha fatto William Amos ha davvero fatto in modo da superare il limite.

Lo screenshot effettuato durante la videochiamata parlamentare ritrae senza dubbi il Parlamentare canadese senza vestiti, ma quello che ha ancora più dell’assurdo è che ha indirizzato la videocamera del suo cellulare verso le sue parti intime, mentre si trovava in piedi tra le bandiere canadese e del Quebec. Insomma, se non è vilipendio alla bandiera poco ci manca.

LEGGI ANCHE => “Sono in sala operatoria”: chirurgo si collega in tribunale via Zoom mentre sta operando. Il giudice fa slittare l’udienza

“Mi stavo rivestendo dopo essere rientrato dal jogging” queste le parole di scusa del Parlamentare canadese

William Amos si è rivolto a Twitter per promuovere le sue scuse, dopo che le immagini della sua nudità avevano cominciato a trapelare sul Web.

Il Daily Star ha riferito che alcuni canadesi che stavano guardando il Question Time hanno pubblicato il video di quanto stava accadendo durante lo streaming, chiedendo ai cittadini canadesi di farsi delle domande in merito.

Il Parlamentare non ha nascosto di essere lui l’uomo che le immagini hanno immortalato nudo, e ha affidato a Twitter le sue parole: “Oggi ho commesso un grave e sfortunato errore e ovviamente ne sono molto imbarazzato” queste le sue parole. “La mia webcam è rimasta accesa erroneamente mentre mi stavo rivestendo dopo essere rientrato dal jogging. Chiedo scusa ai miei colleghi della Camera“.

In molti hanno difeso l’onorevole Amos dicendo che la fuga delle immagini ha costituito un grave reato contro la privacy e che bisognerebbe indagare in merito.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here