Perché la morte di Luana si sarebbe potuta evitare: avviate le indagini sui pezzi mancanti della macchina

0
925
Luana D'Orazio

La morte sul lavoro di una ragazza di solo 22 anni diventa ancora più tragica quando si scoprono dettagli, segreti e mancanze che avrebbero potuto evitare la tragedia. Una perdita incolmabile, una morte bianca per cui in effetti sembrano esserci ‘colpevoli’. La posizione dei due indagati, la titolare dell’azienda e l’addetto alla manutenzione, si aggravano con nuove testimonianze.

LEGGI ANCHE => Giovane mamma muore in fabbrica a 22 anni, la rabbia dei sindacati: “Un’altra vittima sulla coscienza”

Se una griglia avesse potuto cambiare gli eventi

La procura di Prato indaga per omicidio colposo e da oggi omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro. Gli indagati sono Luana Coppini, titolare della Orditura Luana, e l’addetto alla manutenzione del macchinario Mario Cusimano.

La direzione delle indagini vira verso una fotocellula che avrebbe dovuto bloccare il macchinario, e sulla griglia di protezione del suddetto che sembra essere stata rimossa.
Sequestrati ai fini delle indagini due orditoi, il macchinario del ‘delitto’ e un altro identico, eppure la fabbrica non è sotto sequestro e ieri i dipendenti sono tornati a lavoro.

La titolare, che si sente più una collega di Luana, promette vicinanza alla famiglia: “Anche io, mio figlio e mio marito lavoriamo con questi macchinari: è morta una compagna di lavoro. Intendo esprimere il mio dolore attraverso l’ impegno per la famiglia di Luana e il suo piccolo. Impegno che voglio tradurre in atti concreti da subito in ogni contesto e sede”.

LEGGI ANCHE => Luana D’Orazio, anche Pieraccioni ricorda la 22enne: “Lavorò come comparsa in un mio film”

Più di una vita spezzata

La famiglia della giovane però chiede giustizia, sebbene nessuna sentenza equa possa rimediare alla perdita subita. Il fidanzato di Luana, Alberto Orlandi, è sconvolto ma non si lascia andare alle lacrime, rimane composto con gli occhi umidi e si lascia sfuggire confessioni di un futuro che ormai gli è precluso:A marzo del prossimo anno mi sarebbero scadute le rate della finanziaria per l’ auto. Quello sarebbe stato il momento buono per prendere in affitto una casa e cominciare a convivere sul serio”.
Quel che gli resta sono le foto sul suo cellulare che non bastano a lenire il vuoto.

LEGGI ANCHE => Schiacciato dal macchinario, muore 49enne. Un’altra vittima sul lavoro: i numeri sono agghiaccianti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here