“Il mio sederino rifatto? E’ stato un colpo basso”: botta e risposta tra la Ferrera e Urtis

0
997
manuela ferrera - lato b

E’ durata solo 13 giorni, dal 39esimo al 46esimo giorno, l’esperienza come naufraga della 15esima edizione de L’Isola dei Famosi ma ha fatto comunque parlare di sé Manuela Ferrera, showgirl nota per aver ricoperto il ruolo di meteorina.

E non ha fatto parlare di sé tanto per l’esperienza lampo nel reality condotto da Ilary Blasi, quanto per un dettaglio fisico divenuto centro di dibattito – con tanto di articolo dedicato su ‘Novella 2000’.

L’aspetto fisico di Manuela Ferrera di cui tanto s’è parlato è il suo lato B e in tanti hanno affermato che a loro avviso il sedere della showgirl non sarebbe farina del suo sacco.

E così Giacomo Urtis – che oltre ad essere ormai uomo di spettacolo a tutti gli effetti lavora nell’ambito della chirurgia estetica – ha sostenuto che quei glutei sono palesemente rifatti.

La Ferrera ha quindi risposto ieri ad Urtis tramite Instagram, con il sorriso sulle labbra:

“Ho notato che da quando sono tornata da L’Isola dei Famosi si sta stra-parlando dei miei glutei e va beh, sono felice perché alla fine purché se ne parli. No? Però c’è un articolo su Novella 2000 in cui c’è un intervento di Giacomo Urtis e cosa mi tocca leggere? Che anche tu asserisci che il mio sederino è rifatto? So che siamo amici. Ma come, questa estate mi hai chiesto consigli su quali esercizi fare e ci siamo allenati anche insieme. E’ stato un colpo basso e da te non me l’aspettavo, aspetto le tue scuse e la tua replica”.

La replica dell’ex inquilino dell’ultima edizione del GF Vip non è tardata ad arrivare:

“Manuela Ferrera è una bellissima ragazza ma il gluteo non può essere tutta farina del suo sacco, solo con lo squat un gluteo così non ti viene, non arrabbiarti se ti dico che quel gluteo non è proprio tutto tuo, secondo me”.

Finita qui? Macché, la Ferrera ha postato una ulteriore story invitando ad Urtis a verificare in prima persona e sostenendo (ulteriormente) che si tratta solo di un grande lavoro atletico:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here