Bandiere blu 2021, le migliori spiagge d’Italia sono 416. Ma è polemica

0
683

Come ogni anno anche in questo 2021 è stata pubblicata la lista delle località e delle spiagge che hanno ottenuto la Bandiera Blu.

Da diversi anni a questa parte le località turistiche e specialmente quelle nei pressi di laghi e le località balneari attendono la lista delle bandiere blu come marchio di qualità del proprio territorio. La bandiera blu viene assegnata dall’associazione internazionale Fee International che collabora con l’Onu, l’Unesco ed i ministeri dell’ambiente dei vari Paesi per controllare la pulizia delle località balneari e delle acque. Per assegnare la bandiera blu vengono valutati 32 criteri, tra i quali ovviamente la pulizia delle spiagge e la purezza delle acque che bagnano la costa, ma anche le politiche ambientali, le strutture alberghiere e la qualità dei servizi.

Il lavoro svolto per la pulizia di queste località dal governo italiano e dalle amministrazioni comunali ha avuto i suoi frutti, visto che negli ultimi 4 anni il numero di località e di spiagge premiate con il prestigioso riconoscimento sono aumentate costantemente. Quest’anno il numero di località è salito a 201 (contro le 195 del 2020) e quello delle spiagge a 416 (9 in più rispetto allo scorso anno). Da segnalare invece i soli 16 laghi, due in meno rispetto allo scorso anno.

Leggi anche ->Cos’è la Sindrome di Asperger e chi ne soffre? Da Greta Thunberg a Elon Musk, i casi più famosi

Bandiere Blu, le migliori spiagge d’Italia: polemiche sulle scelte

A selezionare le località di ciascun Paese è la giuria nazionale, della quale fanno parte anche il Ministero della Transizione ecologica, quello delle Politiche Agricole e quello del Turismo. Sono ben 15 le località che sono entrate di diritto in classifica quest’anno, mentre sono 9 quelle che non sono state confermate dall’anno scorso. Vediamo quali sono le località che hanno fatto il loro ingresso nella classifica: “Abruzzo (Francavilla al Mare, Pescara, Martinsicuro), Calabria (Diamante, Santa Maria del Cedro), Campania (Camerota), Lazio (Fondi, Minturno), Marche (Altidona), Puglia (Bisceglie, Monopoli, Nardò), Sardegna (Aglientu) e Sicilia (Roccalumera, Modica)”. Per consultare l’elenco completo, con quelle che già avevano il marchio Bandiera Blu, vi invitiamo a consultare il sito della Fee, in cui c’è l’elenco completo.

Le scelte non hanno convinto del tutto i cittadini italiani. Su reddit c’è un intero topic dedicato alle Bandiere Blu, nel quale singoli utenti criticano l’inserimento di qualche località. C’è ad esempio chi scrive: “Sicuramente la pulizia del mare non è un indice grandemente tenuto in considerazione se la bandiera blu viene assegnata a Capaccio (Paestrum) e ad Agropoli dove, durante il periodo estivo, i depuratori non funzionano o funzionano male e in 40 cm di acqua non si riesce a vedersi i piedi”. E c’è chi ad esempio aggiunge: ”
Sono anche parecchio confuso di come abbiano dato la bandiera blu a Oristano, e a nient’altro nella provincia. Tutto attorno ci sono mari e spiagge migliori, e non parlo di estetica (ma anche) ma di pulizia e balneabilità”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here