Il lato oscuro dei Rich Kids di Instagram: ragazza uccisa dopo aver rifiutato un threesome?

0
1132

Una ragazza di 26 anni è stata trovata morta nel suo appartamento: si sospetta che possa essere stata uccisa per aver rifiutato un Threesome.

Mayra Zulfiqar, 26enne britannica laureata in Legge, qualche mese fa è andata in Pakistan per presenziare al matrimonio di parenti (la famiglia è originaria di quelle parti) e dopo aver partecipato alla festa ha deciso di trasferirsi in pianta stabile. La sua permanenza in Pakistan, però, è durata solo due mesi ed è finita in tragedia. Qualche giorno fa le autorità pachistane, invitate a controllare il suo stato di salute hanno forzato la porta d’ingresso del suo appartamento e l’hanno trovata deceduta, in un lago del suo stesso sangue.

Gli agenti non hanno dubbio che si sia trattato di un omicidio, la vittima è stata uccisa con due colpi di pistola, uno alla gola e l’altro alla spalla. La precisione dei colpi fa pensare che ad ucciderla possa essere stato un professionista, ma inizialmente sfuggiva il movente dell’omicidio. L’unica pista finora in piedi porta a due ragazzi che Mayra aveva conosciuto ad una festa dell’alta borghesia di Lahore: Saad Butt e Zahir Jadoon.

Leggi anche ->Caso Denise, dopo le ricerche nel pozzo escono nuove intercettazioni

Ragazza uccisa dopo aver rifiutato un Threesome?

Dalle chat della ragazza su Instagram, infatti, gli agenti hanno scovato una conversazione con i due ragazzi, in cui questi le chiedevano di partecipare ad un rapporto sessuale a tre. Mayra ha declinato la loro proposta e i due giovani si sono fatti molesti, arrivando persino a minacciarla in caso di rifiuto. Normale, dunque, che gli investigatori abbiano pensato a loro, ma da quanto emerso i due hanno alibi di ferro per il giorno dell’omicidio.

Leggi anche ->Uccide il figlio per aver mangiato la torta fatta per la festa del papà: condannato a 37 anni

L’ipotesi vagliata al momento e che i due giovani, entrambi appartenenti a famiglie ampiamente abbienti, possano aver assoldato un killer per punire il rifiuto della giovane britannica. Uno dei due sospettati si è recato alla polizia dopo aver saputo il capo d’accusa, mentre l’altro ragazzo – Zahir Jadoon – ancora non si trova ed è ricercato in tutto il Paese. A questo punto i sospetti si concentrano proprio su di lui, visto che si ritiene fosse il frequentante della ragazza e che, secondo testimonianze, pochi giorni prima dell’assassinio le avesse puntato la pistola contro e l’avesse minacciata di morte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here