Si tuffa in acque infestate da squali per salvare un uccello ferito: immagini da brivido

0
932

Il 29 aprile scorso nelle acque delle Maldive si è verificato un fatto che ha dell’incredibile, il tutto è stato registrato dalle telecamere che hanno poi caricato il video su Instagram. Mohammad Rakeeb si è tuffato nelle acque delle Maldive che in quel momento erano infestate da almeno dieci squali che stavano nuotando in circolo. Il tutto per salvare un diamante mandarino, caduto in acqua a causa di un’ala rotta.

Leggi anche -> Trovato il corpo dilaniato di un paddleboarder: ucciso a morte da uno squalo

L’uomo è stato filmato mentre nuotava in acqua con una mano sollevata per proteggere il piccolo uccello dai temibili predatori marini. Ma la presenza di una decina di squali non era la sola preoccupazione dell’uomo, infatti Mohammad stava affrontando a nuoto la forte corrente contraria del mare, per poter ritornare alla sua barca.

Infine Mohammad è riuscito a tornare allo yacht e i membri dell’equipaggio hanno aiutato a tirarlo fuori dall’acqua appena in tempo, prima che gli squali si avvicinassero troppo.
Il folle gesto è stato ripreso dalla videocamera di Jalil Najafov, 39enne regista azero, che si trovava a bordo del suo yacht di lusso alle Maldive.

Attestati di stima e ammirazione su Instagram: “Eroe”, “Grazie per aver salvato l’uccello”

Una volta condiviso su Instagram il video in poco tempo ha raggiunto le 26.000 visualizzazioni, assieme a tutta una serie di attestati di stima rivolti a Mohammad. Gli utenti del famoso social lo hanno acclamato come un eroe. Tra i commenti infatti si può leggere più volte la parola: “Eroe”, oltre a “Video incredibile” e “Grazie per aver salvato l’uccello”.

Secondo il regista azero l’uccello è un fringuello, ma dalle immagini si tratta invece di un diamante mandarino. Il regista ha raccontato che Mohammad ha visto l’uccello cadere in acqua a causa della rottura dell’ala ed è saltato in acqua senza esitazioni.
Jalil ha aggiunto inoltre che “l’uccello sarebbe morto se non l’avesse salvato“.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here