La drammatica storia di Marco Zennaro, in carcere in Sudan da due mesi: “Vi prego, portatemi a casa”

0
1214
marco zennaro sudan carcere

“Sono ostaggio di un sistema senza regole. Vi prego, riportatemi a casa dalla mia famiglia”. 

Sono parole di autentica disperazione quelle pronunciate da Marco Zennaro, imprenditore veneto di 46 anni arrestato in Sudan lo scorso 1 aprile.

Due giorni fa, l’amministratore unico della Zennaro Electric Constructions di Marghera, in provincia di Venezia, è stato trasferito in un’altra prigione. L’uomo, atteso in Italia da una moglie e da tre figli piccoli, ha fatto sapere ai familiari di trovarsi oggi in condizioni peggiori rispetto al periodo della sua detenzione.

LEGGI ANCHE => Riccardo Noury su Patrick Zaki: “Elementi dell’arresto poco chiari”

Rimasto otto ore nel palazzo della Corte in uno stanzino sottoterra al buio, Zennaro non è stato trasferito in albergo, come gli era stato comunicato, ma in un altro carcere. Un viaggio di un’ora e mezza “su una camionetta di latta” assieme ad altre 40 persone, con una temperatura “da forno”.

“Non so cosa mi aspetta. Nessuno sa nulla, non ho il telefono e nessuno parla inglese – spiega l’imprenditore veneto – Mi hanno fatto attraversare il settore degli omicidi, spacciatori e criminali: un inferno di 700-800 corpi ammassati uno sull’altro”.

Zennaro si era recato in Sudan per risolvere una problematica

Zennaro è poi finito nella sezione di reati penali con giustificazione finanziaria, dove ci sono circa 200 persone, come racconta lui stesso.

LEGGI ANCHE => Caso Regeni, superteste accusa gli 007 egiziani: “Bisogna fingere sia stato vittima di rapina”

L’attuale luogo di detenzione dell’imprenditore 46enne, pur con livelli igienico sanitari sempre sotto la media, parrebbe migliore rispetto al precedente (il commissariato di Khartoum, ndr), stando a quanto riferito dal fratello Alvise al quotidiano “La Stampa”. Ma la sua situazione “fisica e psicologica” resta “molto pesante”.

Zennaro si era recato in Sudan, dove la sua azienda è in affari da oltre 25 anni, per sistemare una questione riguardante dei trasformatori che non rispettavano gli standard. Da quel momento in poi è cominciato l’incubo. La Farnesina è al lavoro per cercare di riportarlo a casa, ma la situazione non sembra sbloccarsi.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here