Cannibale gli strappa occhio e naso a morsi: le terribili immagini del senzatetto dopo l’aggressione

0
1142

Un cannibale ha letteralmente mangiato la faccia ad un povero senzatetto.

Ronald Poppo, questo il nome del clochard, ha perso l’occhio sinistro, il naso e la maggior parte della pelle, tutto strappato via da un uomo completamente nudo che lo ha attaccato senza una ragione apparente.

Alcuni hanno assistito in diretta alla terribile scena, tra cui l’ufficiale di polizia della Florida, che ha sparato e ucciso il cannibale. Le indagini hanno permesso di scoprire l’identità dell’aggressore: si chiamava Rudy Eugene e aveva 31 anni, come riporta il Daily Star Online.

LEGGI ANCHE => Taglia la madre in mille pezzi, la mangia e dà i resti ai cani: la storia del figlio cannibale

Rudy Eugene, completamente senza vestiti, ha aggredito il senzatetto con una violenza inaudita, lasciandolo cieco per il resto della sua vita.

In un video pubblicato online dall’ospedale che si prende cura del signor Poppo emergono le conseguenze delle sue orribili ferite un anno dopo l’aggressione, avvenuta nel 2012. Il clochard aveva trascorso quasi un mese in ospedale dopo il brutale episodio, prima di trasferirsi in una struttura di assistenza a lungo termine.

Ma il senzatetto non incolpa il suo aggressore: “Avrà avuto una brutta giornata”

Durante la sua guarigione, il senzatetto ha trovato il tempo di suonare la chitarra e scherzare con le infermiere. In più, come raccontato da Adolfa Sigue, infermiera manager presso il Jackson Memorial Perdue Medical Center, dove ora vive, il senzatetto non ha mai incolpato Eugene per l’accaduto: “Mi dice sempre di essere sicuro che quell’uomo ha avuto una brutta giornata“.

LEGGI ANCHE => Offre cibo a un clochard e lo difende da una gang: padre di famiglia accoltellato a morte

I medici del Jackson Memorial Hospital e della Miller School of Medicine dell’Università di Miami lo hanno elogiato per la sua resilienza. Per gli esperti si potrebbero usare i suoi tessuti o delle protesi per sostituire il naso o l’occhio, ma lui stesso non pare essere interessato a ulteriori ricostruzioni facciali.

Tutti lo definiscono un paziente “affascinante e collaborativo”.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here