Quanto tempo stare al sole senza bruciarsi? Uno strumento innovativo ti dà la risposta

0
409

E’ possibile calcolare il tempo in cui poter stare sotto il sole senza bruciarsi? Esiste un dispositivo che calcola il tempo esatto.

L’estate è giunta oggi con una violenza inaspettata. L’approdo in Italia e gran parte d’Europa dell’anticiclone sub tropicale, infatti, ha portato le temperature abbondantemente sopra i 30° con picchi fino ai 38° al sud Italia. Con un’afa del genere, abbondantemente sopra le medie stagionali, gli italiani avranno sicuramente fatto un pensiero al mare e a delle ferie anticipate. Per molti di loro, purtroppo, l’appuntamento con la spiaggia e il mare è rinviato al prossimo fine settimana, ma con queste temperature è ancora più importante fare attenzione a non ustionarsi.

Chiunque, almeno una volta nella vita, si è chiesto se sia possibile calcolare il tempo esatto per prendere il sole e l’abbronzatura, senza rischiare di avere un’insolazione. Le indicazioni generiche sono di evitare gli orari più caldi, magari facendo un bagno pomeridiano, e di utilizzate sempre la protezione. Ciò nonostante gli accorgimenti potrebbero non essere sufficienti a preservarsi dalla scottatura. Adesso, però, un metodo per capire quanto tempo possiamo stare al sole esiste: si tratta di un’app sviluppata da Daniel Zvara che calcola il tempo esatto in cui possiamo immergerci al sole senza riportare danni alla pelle.

Leggi anche ->“Sole distruggerà vegetazione ed estinguerà gli animali”: la preoccupante ricerca della Nasa (a larghissimo spettro)

L’app per calcolare il tempo corretto di esposizione al sole

Chiaramente la tempistica di esposizione al sole varia da persona a persona e da località a località. Infatti Zvara ha spiegato in un’intervista concessa al sito ‘Deepnote‘ che la sua app calcola il tempo esatto tenendo presenti diversi fattori: tipologia di pelle, località e tipologia di crema protettiva applicata. Per quanto riguarda la tipologia di pelle, lo studioso si è basato sulla classificazione fatta nel 1975 dal dermatologo Fitzpatrick che prevede l’esistenza di 7 tipologie di pelle e 4 fototipi differenti.

Leggi anche ->Bandiere blu 2021, le migliori spiagge d’Italia sono 416. Ma è polemica

Una volta individuato il tipo di pelle e dunque di sensibilità ai raggi solari, bisogna capire quanto è forte il sole nella zona in cui ti trovi. Al momento l’app non è ancora pronta dunque per calcolare l’intensità del sole potete affidarvi ad OpenCage per ottenere le coordinate della zona di mare in cui vorreste andare. Fatto questo potete calcolare tramite l’app ‘Open Wheater‘ l’intensità del sole nella zona in giornata e avete il secondo dato. L’ultimo dato che vi serve è la tipologia di protezione solare che applicherete e così potrete ottenere la tempistica ottimale per voi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here