Cerimonia al Quirinale per la spedizione Olimpica ma c’è paura: un’atleta ha la mononucleosi

0
761

Oggi si è tenuta al Quirinale la cerimonia della consegna del tricolore agli atleti che prenderanno parte alla spedizione olimpica. C’è però timore per le condizioni di uno degli atleti di punta che ha preso la mononucleosi.

Manca un mese esatto all’inizio delle Olimpiadi di Tokyo. Nonostante i timori legati alla risalita dei contagi di qualche settimana fa, gli organizzatori dell’evento ed il governo giapponese hanno deciso di portare avanti l’organizzazione e mantenere l’impegno preso già per il 2020. Fare slittare ulteriormente la manifestazione avrebbe causato danni economici incalcolabili, oltre che un danno d’immagine non indifferente.

Il rischio di una nuova chiusura tuttavia non è stato scongiurato. Il pool di esperti che gestisce la struttura sanitaria per far fronte alla pandemia è ancora timoroso dell’impatto che potrebbe avere la competizione internazionale su Tokyo. E’ già stato chiarito che se l’indice di contagi dovesse superare o raggiungere nuovamente quota 1000 giornalieri, sarebbe necessario effettuare nuovamente un lockdown per fare calare l’incidenza. Un’eventualità che non può essere scartata nel mese di luglio, periodo in cui arriveranno le delegazioni di tutti i Paesi partecipanti alle Olimpiadi. Gli atleti e lo staff saranno sottoposti a protocolli rigidi atti ad evitare il contagio, dunque si spera che questo basti a scongiurare il pericolo.

Leggi anche ->Compie 118 anni Kane Tanaka, la decana dell’umanità che a maggio sarà tedofora per Tokyo 2021

Cerimonia olimpica: la paura per la mononucleosi di Paltrinieri

Oggi al Quirinale si è tenuta la cerimonia di consegna del tricolore da parte del Presidente Mattarella ai quattro porta bandiera dell’Italia: Elia Viviani e Jessica Rossi per le Olimpiadi e Bebe Vio e Federico Morlacchi per le Paralimpiadi. Erano presenti 150 rappresentanti della nazionale italiana tra atleti, staff e dirigenti del Coni, ai quali il Presidente della Repubblica ha detto: “Giochi occasione di rinascita, atleti sono un carico di speranza per l’Italia”.

Grande emozione dunque tra i presenti, anche se in queste ore a tenere banco è soprattutto la salute di Gregorio Paltrinieri, uno dei nuotatori di punta della nazionale. L’atleta infatti ha contratto la mononucleosi ed è a rischio persino la sua partecipazione alal competizione. L’allenatore Paolo Barelli ci ha tenuto a tranquillizzare tutti sul suo stato di salute: “Gregorio Paltrinieri è affetto da mononucleosi seppur avverta leggeri sintomi. Conosceremo gli effetti dell’infezione giorno dopo giorno”.

Cos’è la mononucleosi e cosa può causare

Conosciuta anche come “Malattia del bacio”, la mononucleosi è un’infezione virale causata dal virus di Epstein-Barr che si trasmette tramite la saliva. Il tempo d’incubazione della malattia può variare dai 30 ai 50 giorni. Chi ne è affetto solitamente sviluppa sintomi lievi quali spossatezza, malessere generale e astenia.

Capita, anche se non è frequente, che ci siano delle conseguenze più gravi che coinvolgono i linfonodi, cuore, polmoni, milza e sistema nervoso centrale. Ci possono essere delle complicazioni conseguenti alla mononucleosi, anche se si tratta di casi veramente rari: epatite, anemia emolitica e trombocitopenia, miocardite, Sindrome di Guillain-Barre, meningite, encefalite.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here