“La gente deve soffrire, rischiare, provare…”: Renzi contro il Reddito di cittadinanza fa discutere

0
539
Matteo Renzi reddito di cittadinanza

Il bisogno di rivedere il reddito di cittadinanza è un bisogno vecchio quanto l’istituzione del reddito di cittadinanza stesso. Eppure qualcuno si spinge ben oltre le solite critiche, andando davvero ‘contro corrente‘: Renzi propone addirittura di abolirlo, insistendo sulla retorica della fatica e della conquista, ma le sue parole sembrano non essere piaciute.

LEGGI ANCHE => “Il reddito di cittadinanza è ridicolo”: la proposta di Renzi per eliminarlo

Renzi contro corrente e la corrente social contro Renzi

È stato salutato come una vittoria senza precedenti, il M5S l’aveva definito addirittura “l’abolizione della povertà”, eppure il reddito di cittadinanza ha egualmente anche tanti detrattori. Matteo Renzi però non è un detrattore tra tanti, è colui che si presenta come l’antitesi del provvedimento economico, da abolire mediante un Referendum.

Nel suo ultimo intervento, il senatore ne ha proposto addirittura l’abolizione, calcando molto su metafore quasi ‘epico-cavalleresche’ e forse per questo molto anacronistiche.

In sintesi l’intervento, diventato virale, anche l’influenza lo è ma non vuol dire sia piacevole, insiste su l’argomento della conquista soddisfacente solo se faticosa, estremamente faticosa. Secondo Renzi, la gente deve “soffrire, rischiare, provare, correre, giocarsela. Se non ce la fa gli diamo una mano: ma bisogna sudarsela. I nostri nonni hanno fatto l’Italia spaccandosi la schiena, non prendendo i sussidi dallo Stato!”

Lui va contro corrente, ma c‘è una corrente che rischia di travolgerlo, ovvero quello dei critici ironici su Twitter, dove #MatteoRenzi, ma soprattutto #Renzifiaschifo sono diventati di tendenza.

Così Renzi sta raccogliendo firme per un referendum…Un altro. Si dice che sbagliare è umano, perseverare è diabolico...ma Renzi continua a volere andare contro corrente e rischia e si mette in gioco. Chissà se poi c’è qualcuno disposto ad aiutarlo…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here